EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Pochi profughi a Horgos dopo gli scontri

Pochi profughi a Horgos dopo gli scontri
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alla frontiera tra Serbia ed Ungheria solo pochi irriducibili sono rimasti in attesa dell’improbabile apertura del confine. Sul terreno, ancora

PUBBLICITÀ

Alla frontiera tra Serbia ed Ungheria solo pochi irriducibili sono rimasti in attesa dell’improbabile apertura del confine.
Sul terreno, ancora visibili i segni del pesante intervento della polizia di mercoledì per allontanare i profughi.
Molti sono partiti in un’altra direzione, verso la Croazia. Chi è rimasto non ha i soldi o le forze per fare altrettanto.

“Andavamo in Ungheria – racconta un iracheno -, ma l’Ungheria ha chiuso le porte, quindi non si va neanche in Germania. Stiamo aspettando che aprano le porte. Forse lo faranno.”

“Sto aspettando, ancora e ancora – sottolinea un pachistano che ha vissuto in Turchia -. Se aprono i cancelli, andremo in Ungheria e poi in Germania. Aspetteremo qui anche una settimana.”

“Poche persone sono rimaste qui alla frontiera tra Serbia e Ungheria – osserva l’inviata di euronews a Horgos,
Andrea Hajagos -, ma queste poche stanno ancora aspettando, dormendo nelle tende e sperando che in qualche modo, prima o poi, saranno in grado di entrare in Ungheria.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Ungheria: la nuova opposizione guidata da Péter Magyar sfida Orbán

Elezioni europee e corruzione in Ungheria: l'ex dirigente di Fidesz Péter Magyar sfida Viktor Orbán