EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Siria, Putin: Assad pronto a condividere potere con un'opposizione "sana"

Siria, Putin: Assad pronto a condividere potere con un'opposizione "sana"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Pur senza rinnegare il suo storico appoggio al presidente Bashar al-Assad, la Russia apre a una soluzione politica della guerra civile in Siria

PUBBLICITÀ

Pur senza rinnegare il suo storico appoggio al presidente Bashar al-Assad, la Russia apre a una soluzione politica della guerra civile in Siria.

Questo direttamente per bocca del presidente Vladimir Putin, il quale, oltre a smentire l’ipotesi di una discesa in campo delle forze di Mosca, ha affermato che Damasco sarebbe pronta a formare un governo di unità nazionale con un’opposizione definita “sana”.

“L’unione degli sforzi nella lotta contro il terrorismo dovrebbe andare di pari passo con una qualche evoluzione del processo politico in Siria”, ha detto Putin a margine di una conferenza economica a Vladivostok.

“Il presidente Assad, tra l’altro, è d’accordo con tutto questo: addirittura a tenere elezioni anticipate – parlamentari, per esempio – stabilendo contatti con la cosiddetta opposizione ‘sana’ per portarla dentro al governo”, ha specificato.

Un primo spiraglio, dato che finora le grandi potenze sono rimaste divise sulla strada da seguire in Siria.

Da una parte Russia e Iran, che chiedono l’inclusione delle forze di Assad nella coalizione anti-Isil e un contenimento dei ribelli anti-governativi. Dall’altra l’Ocidente e i Paesi del Golfo, che vogliono il superamento dell’attuale regime.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Donetsk, massicci bombardamenti russi: a Kostiantynivka una vittima e cinque feriti

Russia: mandato di arresto per Yulia Navalnaya, la reazione "Putin è un assassino"

Vertice Nato: per Biden la Russia non prevarrà, Meloni "rispetteremo 2% Pil in difesa"