15 anni fa la tragedia del Kursk, solo 35% dei russi critica l'operato di Putin

15 anni fa la tragedia del Kursk, solo 35% dei russi critica l'operato di Putin
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Solo il 35% dei russi ritiene che il Cremlino non fece il possibile per salvare l’equipaggio del Kursk. Nel giorno in cui si ricorda la tragedia del

PUBBLICITÀ

Solo il 35% dei russi ritiene che il Cremlino non fece il possibile per salvare l’equipaggio del Kursk. Nel giorno in cui si ricorda la tragedia del sottomarino affondato il 12 agosto del 2000 con a bordo 118 marinai, il numero dei critici verso Vladimir Putin si è dimezzato, ma gli ufficiali dalla marina ricordano bene quei tre giorni da incubo.

“Non c‘è alcun dubbio che 15 anni fa, durante la catastrofe del Kursk, non è stato fatto tutto il possibile per salvare l’equipaggio. Non è stato fatto niente per salvarli – ricorda Igor Kurdin, presidente del circolo ufficiali dei sottomarini – L’unica nave di salvataggio, la Mikhail Rudnitsky, era ferma al molo di Severomorsk e non era nemmeno pronta a prendere il mare, nonostante il fatto che fosse in corso un’esercitazione su vasta scala della Flotta del Nord. Ma la cosa più grave è stata quella di aver rifiutato l’aiuto dall’estero”.

Il 12 agosto 2000, il Kursk era nel mare di Barents per un’esercitazione nella quale avrebbe dovuto lanciare dei siluri di nuova fabbricazione. Secondo l’inchiesta ufficiale, uno dei siluri esplose dando il via a una serie di deflagrazioni. La maggior dei 118 marinai morì sul colpo, 23 di loro, rifugiatisi in coda, morirono di agonia per mancanza di ossigeno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte Navalny: il mondo ricorda il dissidente, quasi 400 arresti in Russia

Vivo o morto? Per il Cremlino il comandante della flotta russa è scampato al blitz in Crimea

35 morti e 115 feriti per l'esplosione alla stazione di servizio in Daghestan