EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Tunisia, agenti a presidio di spiagge e strutture turistiche

Tunisia, agenti a presidio di spiagge e strutture turistiche
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oltre 1.000 agenti armati sono stati messi a presidio di spiagge e strutture turistiche in Tunisia, dopo la rivendicazione dell’attentato di Sousse

PUBBLICITÀ

Oltre 1.000 agenti armati sono stati messi a presidio di spiagge e strutture turistiche in Tunisia, dopo la rivendicazione dell’attentato di Sousse da parte dell’Isil, costato la vita a 39 persone.

Il Governo ha intanto deciso di chiudere le moschee che diffondono “propaganda e veleno per promuovere il terrorismo”.

“Abbiamo eseguito degli arresti – afferma ad euronews il portavoce del Ministro dell’Interno tunisino -, mostreremo all’opinione pubblica locale e internazionale chi si cela dietro questi attacchi terroristici contro la Tunisia, abbiamo già attuato una serie di misure preventive per colpire con forza ogni persona che promuove l’ideologia terrorista, abbiamo deciso di chiudere diverse moschee, in quanto fuori da ogni controllo di sicurezza, e ogni moschea che farà propaganda estremista qui verrà chiusa subito; continueremo la messa in sicurezza in tutta la Tunisia”.

Intanto, la grande fuga dei turisti dal Paese creerà non poche ripercussioni a livello economico.

“La Tunisia non può combattere i gruppi terroristici da sola – dice, per chiudere, il nostro inviato -, senza aiuti internazionali, perché il terrorismo è diventato un problema transfrontaliero, soprattutto nella regione araba, che soffre dei suoi conflitti interni”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, almeno 104 morti nell'attacco delle Rsf al villaggio di Wad al-Noura

Terrorismo in Francia: arrestato ucraino filorusso, stava preparando un ordigno esplosivo

Frana in Papua Nuova Guinea, si cercano superstiti: almeno 670 morti e duemila sepolti dalle macerie