ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Romania, dimissioni per il ministro che ha definito "prostitute" le mogli di romeni emigrati

euronews_icons_loading
Romania, dimissioni per il ministro che ha definito "prostitute" le mogli di romeni emigrati
Dimensioni di testo Aa Aa

Prima le offese e poi le scuse. Che però non sono bastate. Il ministro dei Trasporti romeno, Ioan Rus, si è infatti dimesso dopo aver definito, in diretta Tv, “prostitute” le mogli dei milioni di romeni emigrati all’estero per lavoro.

A distanza di poche ore il ministro ha spiegato di essersi espresso male e che la sua intenzione era quella di fare una dichiarazione positiva.

Le dimissioni di Rus arrivano in un momento di crisi per il governo. Nei giorni scorsi la maggioranza si è stretta intorno al premier Victor Ponta bloccando l’avvio di un procedimento penale nei suoi confronti. Era sospettato di conflitto di interessi, evasione fiscale, e riciclaggio. Questo venerdì Ponta dovrà comunque affrontare un voto di fiducia che molto probabilmente supererà senza grandi difficoltà.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.