EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Turchia, magistrato in ostaggio: "i poliziotti confessino per l'uccisione di Elvan"

Turchia, magistrato in ostaggio: "i poliziotti confessino per l'uccisione di Elvan"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

È responsabile delle indagini sul 14enne colpito alla testa da un lacrimogeno durante le manifestazioni di Gezi Park.

PUBBLICITÀ

“Confessate o ammazziamo il magistrato”. Membri
del gruppo di estrema sinistra turco Dhkp-C hanno preso in ostaggio, irrompendo nel tribunale di Istanbul, il procuratore Mehmet Selim Kiraz, che indaga sull’uccisione di Berkin Elvan durante le manifestazioni di Gezi Park.

Minacciano di sparargli se, entro tre ore, i poliziotti che uccisero il giovane colpendolo con un lacrimogeno alla testa non ammetteranno le proprie responsabilità.

I rapitori chiedono, inoltre, di cancellare ogni accusa mossa nei confronti di coloro che hanno successivamente manifestato per la morte di Elvan.

Mobilitate le forze speciali, che hanno circondato l’edificio e i locali al sesto piano dove il magistrato è tenuto in ostaggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, la magistratura ritira le accuse di attività "immorali" contro una Ong femminista

Guerra a Gaza: attesa la risposta di Hamas alla controproposta di Israele sugli ostaggi

Andrew Tate andrà a processo in Romania per traffico di esseri umani e stupro