This content is not available in your region

Nato-Russia: tra provocazioni e violazioni, è corsa alla militarizzazione

Access to the comments Commenti
Di Salvatore Falco
Nato-Russia: tra provocazioni e violazioni, è corsa alla militarizzazione

<p>Due mezzi corazzati dell’esercito statunitense sfilano in Estonia nel giorno delle celebrazioni per l’anniversario dell’indipendenza della Repubblica baltica.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>A message to Putin from <span class="caps">NATO</span>: US mil on Russia's border in Narva, Estonia <a href="http://t.co/FpLG31zTTS">http://t.co/FpLG31zTTS</a> <a href="http://t.co/HuM7RkHgvr">pic.twitter.com/HuM7RkHgvr</a> via <a href="https://twitter.com/StateOfUkraine"><code>StateOfUkraine</a></p>&mdash; bangkokdave (</code>bangkokdave) <a href="https://twitter.com/bangkokdave/status/570647281894105088">February 25, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Siamo a Narva, vicino al confine russo. Tra i militari ci sono oltre cento soldati della Nato. È la prima volta che accade dal collasso dell’Unione Sovietica. Una novità che rivela un cambiamento: la Russia è tornata a fare paura.</p> <p>La crisi ucraina ha provocato un deterioramento delle relazioni tra la Russia e l’Alleanza Atlantica. Mosca non si mostra per nulla intimidita dalle dimostrazioni di forza e, anzi, ha violato più volte lo spazio aereo ai suoi confini occidentali.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>The <span class="caps">NATO</span>-Russia military exercise gap. Very revealing. <a href="http://t.co/7T2jit0P74">http://t.co/7T2jit0P74</a> <a href="http://t.co/g6QuTKFtAZ">pic.twitter.com/g6QuTKFtAZ</a></p>— Yury Barmin (@yurybarmin) <a href="https://twitter.com/yurybarmin/status/572385856171843585">March 2, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Nel mese di febbraio circa 600 soldati russi sono stati impegnati in esercitazioni militari in Crimea, alla vigilia del vertice di Minsk.</p> <p>Più a Nord, jet da combattimento russi hanno preso parte a esercitazioni per sventare un potenziale attacco missilistico nel mare di Barents, a largo delle coste di Russia e Norvegia, Paese membro della Nato.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>In Soviet Russia, plane flies <span class="caps">YOU</span> RT <a href="https://twitter.com/Ilseeke"><code>Ilseeke</a> <a href="https://twitter.com/patrikoksanen"></code>patrikoksanen</a> Another wonderful day for air space violations. <a href="http://t.co/ROn622j4HK">pic.twitter.com/ROn622j4HK</a></p>— Waldemar Ingdahl (@waldemaringdahl) <a href="https://twitter.com/waldemaringdahl/status/561825639163232256">February 1, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Bombardieri russi che si sono avvicinati anche ai cieli della Cornovaglia lo scorso 31 ottobre, come mostrano queste foto di un Tupolev scortato dai jet della <span class="caps">RAF</span> fuori dallo spazio aereo britannico.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>Russian jet bombers fly over British Channel <a href="http://t.co/8xiWO7QYfs">http://t.co/8xiWO7QYfs</a> <a href="http://t.co/UDCb5PWlWR">pic.twitter.com/UDCb5PWlWR</a></p>— Deanna Fry (@DeannaFryTV) <a href="https://twitter.com/DeannaFryTV/status/561213655027441664">January 30, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>L’articolo 5 della Nato obbliga i suoi membri a difendere un Paese dell’Alleanza in caso di attacco. La Finlandia, che condivide 1300 chilometri di confine con la Russia, è un Paese storicamente neutrale, ma la crescente attività militare di Mosca preoccupa anche Helsinki. </p> <p>“È molto importante che il prossimo governo non escluda la possibilità di chiedere l’adesione alla Nato, allo stesso modo il governo in carica e il Presidente escludono che possa avvenire nell’arco del mandato in corso – ha detto il Primo ministro finlandese, Alexander Stabb nel corso di una conferenza stampa congiunta con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg – Ma mantenere aperta questa opzione è una questione di sicurezza politica”.</p> <p>All’inizio di febbraio <a href="http://it.euronews.com/2015/02/06/forza-di-reazione-rapida-nato-l-alleanza-atlantica-avverte-la-russia/">l’Alleanza Atlantica ha deciso di rafforzare il fianco orientale</a> creando una forza di reazione rapida composta da 5.000 uomini e sei centri di comando in Europa dell’est. Nel Mar Nero, di fronte alla Crimea annessa da Mosca a marzo del 2014, la Nato ha avviato delle esercitazioni per rispondere alla crescente attività militare russa nella regione. </p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p><span class="caps">NATO</span> spends more than 10 times as much on the military as Russia does. Graphic from The Wall Street Journal. <a href="https://twitter.com/hashtag/p2?src=hash">#p2</a> <a href="http://t.co/M4DeMe7Oxe">pic.twitter.com/M4DeMe7Oxe</a></p>— John Lacny (@JohnLacny) <a href="https://twitter.com/JohnLacny/status/448833569884893184">March 26, 2014</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>