Tunisia: scontri nella regione meridionale di Tataouine. Un morto

Tunisia: scontri nella regione meridionale di Tataouine. Un morto
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

E’ sempre più tesa la situazione nel sud della Tunisia dove proseguono gli scontri tra la polizia e gli abitanti di Dehiba, vicino alla frontiera con

PUBBLICITÀ

E’ sempre più tesa la situazione nel sud della Tunisia dove proseguono gli scontri tra la polizia e gli abitanti di Dehiba, vicino alla frontiera con la Libia. I disordini sono cominciati sabato dopo il sequestro da parte delle autorità di carburante di contrabbando proveniente dalla Libia. I tunisini lamentano inoltre l’imposizione della tassa di 30 dinari per il passaggio del confine, ai non residenti libici. Il governatore della regione di Tataouine spiega: “Siamo consapevoli che queste regioni sono state a lungo emarginate e che i cittadini di Dehiba vivono del commercio con i vicini libici . Quando hanno realizzato che è necessario applicare la legge, hanno perso la testa per via della tassa di 30 dinari imposta dalle autorià tunisine ai non residenti libici”
Il bilancio parla di un morto e due feriti. La polizia ha risposto al lancio di pietre dei manifestanti con i gas lacrimogeni. Per domani è stato proclamato lo sciopero generale nel Paese. Il nuovo governo del premier Essid,ha promesso di impegnarsi per risolvere al più presto la questione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tunisia, l'ex presidente del parlamento comincia uno sciopero della fame

Migranti bloccati nel deserto, accordo tra Tunisia e Libia

Migranti, accordo Ue-Tunisia. Meloni: "Un modello per il Nordafrica"