ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ramallah, scontri dopo funerale ex ministro palestinese

Ramallah, scontri dopo funerale ex ministro palestinese
Dimensioni di testo Aa Aa

Alcuni giovani palestinesi si sono scontrati a Ramallah con i soldati israeliani dopo il funerale di Ziad Abu Ein, ex vice-ministro dell’Autorità Nazionale Palestinese. Altri scontri si sono verificati a Hebron.
Molto noto e stimato nei Territori, Abu Ein era membro di Fatah, non faceva più parte dell’esecutivo ma veniva ancora chiamato “ministro”.

È morto nel corso di tafferugli con i militari israeliani, nelle scorse ore è stata eseguita l’autopsia congiunta, un medico legale palestinese e uno israeliano. Sulle cause del decesso sono d’accordo, si è trattato di un blocco dell’arteria coronarica. È l’interpretazione della dinamica che diverge.

“La sua morte è dovuta – lo sottolineo – a un attacco, è stato un attacco, non un incidente naturale”, dice il medico palestinese, secondo il quale l’infarto è dovuto all’aggressione da parte dei militari israeliani.

Da parte israeliana si sottolinea che Ziad Abu Ein aveva già subito diversi infarti, era debole di cuore e la morte è probabilmente dovuta a stress.

È l’interpretazione del medico israeliano, che precisa: “Non c‘è prova che sia stato colpito al petto da un’arma o altro. I segni sul petto sono dovuti alla rianimazione”.

L’Autorità Nazionale Palestinese ritiene invece responsabile Israele: l’uomo, sottolineano a Ramallah, stava solo piantando degli ulivi insieme ad altri militanti, una manifestazione pacifica su un terrno espropriato. L’episodio resta ora di mettere in discussione anche la collaborazione israelo-palestinese sulla sicurezza.