ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Lituania, la nuova tigre del Baltico

Lettura in corso:

La Lituania, la nuova tigre del Baltico

La Lituania, la nuova tigre del Baltico
Dimensioni di testo Aa Aa

La Lituania, un paese di tre milioni di abitanti, avrà la presidenza dell’Unione europea per i prossimi sei mesi. E’ un paese che ha sofferto la crisi e ne è uscito a testa alta. Siamo andati a Vilnius.

Meno di due anni fa, tre fratelli, due dei quali fisici, hanno creato la loro impresa per produrre componenti di elettronica e laser destinati all’industria, alla medicina e alla difesa. Oggi esportano in Germania, negli Stati Uniti, e in Giappone. Una partenza a razzo che non sarebbe stata forse possibile altrove.

Dominykas Vizbaras della ditta Brolis:
“Siamo un paese piccolo, dove tutto va abbastanza veloce. Penso che sia una buona opportunità per una nuova società, e abbiamo tutti gli strumenti finanziari necessari, cominciando da fondi di investimento, fondi a rischio, e un buon sistema bancario”.

Qualche anno fa la Lituania è stata duramente colpita dalla crisi. Nel 2009 l’economia, molto dipendente dalle esportazioni, si contrae del 15%. Il governo dell’epoca decide di applicare una cura da cavallo: drastiche misure di austerità. Ingrida Simonyte era ministro delle Finanze: “Per un 1/5 si è trattato di aumenti delle tasse, per altri 4/5 di tagli di ogni genere. Il periodo in cui abbiamo vissuto aldilà delle nostre possibilità è stato abbastanza breve, per questo penso sia stato piu’ facile di tornare a livelli di base perché i problemi non sono diventati strutturali. E in alcuni paesi, penso che i problemi siano strutturali”

Mentre in Europa si tergiversava, i paesi baltici sono stati i primi ad agire. Ed ha funzionato. La crescita è tornata nel 2010. Ma le misure sono state dure: riduzione degli stipendi dei funzionari, riduzione delle pensioni, riduzione dell’indennità di disoccupazione, blocco del salario minimo, aumento dell’IVA. Oggi lo stipendio medio in Lituania è di 2000 litas, poco piu’ di 600 euro al mese.

Snieguolė Andruškaitė, portavoce dei sindacati:
“Con uno stipendio minimo di 850 litas, nel periodo invernale dobbiamo pagare molto per il riscaldamento e per la casa, il 50% del salario se ne va solo per il riscaldamento. E poi naturalmente siamo esseri umani, abbiamo altre necessità”

Lilia è pensionata da circa un anno. con 300 euro al mese si ritiene fortunata ma si chiede chi pagherà le pensioni di domani: “Mezzo milione di persone sono emigrate dalla Lituania, si’ mezzo milione. E’ un gran problema in Lituania. Sono rimasti solo gli anziani. “

I giovani sono piu’ ottimisti:
“ La gente vuole vivere meglio, cosi’ se c’‘è la possibilità, è semplice, ci prova”, “Andar via dai problemi non è una soluzione. Dobbiamo tornare e creare il nostro futuro qui.” replica un altro.
“E’ noioso vivere in Europa occidentale, perché si è già fatto tutto li’ . In Lituania, è tutto molto interessante perché si puo’ puntare alto. E’ forte”

Nove anni dopo la sua adesione, qual è il posto della Lituania nell’Unione europea? a cosa aspira? Ne abbiamo parlato con il direttore dell’Istituto delle relazioni Internazionali all’Università di Vilnius. Ascoltate l’intervista nel nostro video.