Chiusura degli spazi aerei, carenza di personale e tecnologie antiquate: un anno turbolento per controllori di volo europei

Un controllore del traffico aereo (a destra) parla con i visitatori nella torre di controllo principale dell'aeroporto internazionale Charles de Gaulle di Roissy, vicino a Parigi, settembre 2014\.
Un controllore del traffico aereo (a destra) parla con i visitatori nella torre di controllo principale dell'aeroporto internazionale Charles de Gaulle di Roissy, vicino a Parigi, settembre 2014\. Diritti d'autore Charles Platiau / Reuters
Di Angela Symons
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il 2023 è stato un anno davvero ricco di turbolenze per il controllo del traffico aereo in tutta Europa.

PUBBLICITÀ

Ogni volta che prendiamo l'aereo, tutti noi apprezziamo i piloti che ci portano a destinazione in tutta sicurezza. Alcuni di noi li applaudono persino all'atterraggio.

Eppure i viaggi in aereo sono possibili anche grazie ai controllori di volo, degli eroi semi-sconosciuti che guidano il nostro percorso nei cieli. Gli addetti al controllo del traffico aereo svolgono il difficile compito di evitare che gli aerei precipitino. Eppure la maggior parte di noi non li ha mai sentiti nominare fino a quando non hanno scatenato il caos nei viaggi con lo sciopero di quest'anno.

Ma che cos'è esattamente il controllo del traffico aereo, come si fa carriera e perché è stato collegato a tanti disagi nei viaggi nell'ultimo anno?

Per scoprire cosa c'è davvero dietro i problemi del controllo del traffico aereo in Europa e cosa ci vorrà per risolverli, Euronews Travel ha parlato con gli enti del settore, i membri dei sindacati e la Commissione europea.

Cosa serve per diventare controllore del traffico aereo

La carenza di personale ha determinato gran parte dei disagi aeroportuali e degli scioperi di quest'anno.

La pandemia è in parte responsabile. La pressione finanziaria, le restrizioni sanitarie, il basso traffico aereo e l'incertezza che ha causato hanno messo in pausa la formazione di molti controllori di volo. Essere in grado di gestire molti aerei che si sovrappongono è una parte fondamentale del lavoro, e questo richiede pratica.

"Un'adeguata formazione sul posto di lavoro è stata possibile solo quando i livelli di traffico aereo sono tornati quelli che erano prima della pandemia", spiega Johnny Pring, responsabile della politica europea presso la CANSO (Civil Air Navigation Services Organisation), un organismo rappresentativo dei fornitori di servizi di controllo del traffico aereo.

Ci vogliono almeno 2,5 anni per formare un ufficiale di controllo del traffico aereo (ATCO). Ogni controllore segue una formazione di base, seguita da una formazione specializzata in una competenza specifica, come il controllo di torre, la sorveglianza di avvicinamento o la sorveglianza del controllo di area. Deve poi passare all'addestramento sul campo presso l'aeroporto per cui lavorerà.

Infine, completeranno l'addestramento sul posto di lavoro con un ATCO qualificato a fornirlo. Negli aeroporti in cui il traffico ha picchi stagionali, i simulatori vengono utilizzati per l'addestramento durante i periodi di minore affluenza per aiutare a mantenere la competenza.

Poiché ogni aeroporto varia in densità e complessità, e parte della formazione è specifica del luogo, i controllori del traffico aereo non possono essere trasferiti facilmente tra aeroporti diversi.

Nel Centro di controllo dell'area superiore (MUAC) dell'aeroporto di Maastricht, nei Paesi Bassi, uno dei più complessi e trafficati d'Europa, la formazione richiede circa tre anni, secondo Eurocontrol, un'organizzazione internazionale che lavora per ottenere una gestione del traffico aereo sicura ed efficiente in tutta Europa.

L'intero processo è regolato da norme rigorose, che fanno sì che la maggior parte della formazione possa essere condotta solo da ATC qualificati. Ciò significa che la capacità di formazione è limitata e la carenza di personale la riduce ulteriormente.

Ma cos'è il controllo del traffico aereo?

Il controllo del traffico aereo aiuta gli aerei a muoversi in modo sicuro ed efficiente nel cielo. Icontrollori sono in costante contatto con i piloti, a cui forniscono informazioni e consigli per assicurarsi che decollino e atterrino in modo sicuro e puntuale. Danno ai piloti il permesso di decollare, approvano la rotta da seguire e si assicurano che gli aerei siano tenuti a distanza di sicurezza nei cieli, monitorando il loro percorso.

Nel Regno Unito, gli aerei del sistema di trasporto aereo sono gestiti dal NATS (National Air Traffic Services) e supervisionati dalla Civil Aviation Authority (CAA). Eurocontrol supervisiona la gestione del traffico aereo in tutta l'Unione Europea.

Diversi fornitori di servizi di navigazione aerea, ovvero i datori di lavoro dei controllori, forniscono un controllo individuale del traffico aereo negli aeroporti, specializzato per ogni località. I controllori si danno il cambio quando un aereo viaggia tra diverse giurisdizioni.

National Air Traffic Services personnel giving a demonstration in the operations room at National Air Traffic Services in Swanwick southern England, May 2017.
National Air Traffic Services personnel giving a demonstration in the operations room at National Air Traffic Services in Swanwick southern England, May 2017.Andrew Matthews/PA File via AP

Che cosa c'è dietro gli scioperi ATC e perché alcuni sono più pericolosi di altri?

Dagli scioperi ai guasti tecnici, è stato un anno turbolento per i controllori del traffico aereo europei.

In primavera, i controllori di volo francesi hanno indetto uno sciopero contro la riforma delle pensioni. Poi, a settembre, l'aeroporto londinese di Gatwick è stato costretto a limitare i voli dopo che il suo team di controllori del traffico aereo, già ridotto all'osso, è stato colpito dalla COVID-19.

All'epoca, l'amministratore delegato di easyJet, Johan Lundgren, aveva attribuito la responsabilità dell'interruzione parziale del servizio alla carenza di personale, dichiarando a un giornale britannico che il modo in cui il servizio è strutturato, gestito e regolamentato necessita di una modernizzazione.

PUBBLICITÀ

I problemi non accennano a diminuire. Proprio lo scorso fine settimana, i passeggeri dell'aeroporto londinese di Heathrow hanno dovuto affrontare ritardi e cancellazioni a causa della carenza di personale ATC e del forte vento. Lo stesso giorno, in Francia, il personale ATC ha indetto un sciopero che è durato fino a martedì, causando ulteriori disagi ai viaggiatori.

Perché i controllori di volo scioperano?

In primo luogo, carovita e inflazione hanno portato i lavoratori di vari settori a scioperare per chiedere un aumento del loro stipendio. Molti scioperi dei controllori di volo sono stati indetti per chiedere salari in linea con l'inflazione.

I sindacati hanno anche chiesto di migliorare le condizioni di lavoro, per assicurare un servizio sicuro ed efficiente per gli utenti dei trasporti, soprattutto alla luce della persistente carenza di personale.

Di recente, gli ATC francesi hanno scioperato anche a causa di una nuova legislazione, che impone loro di dichiarare l'intenzione di scioperare con almeno 48 ore di anticipo, rendendo di fatto pressoché nullo l'impatto dello sciopero.

L'azione di martedì scorso in Francia ha segnato il 65° giorno di sciopero dei controllori del traffico aereo dall'inizio dell'anno. Gli scioperi in Francia sono particolarmente dannosi perché riguardano anche tutti gli aerei che sorvolano lo spazio aereo francese.

PUBBLICITÀ

"I Paesi hanno approcci diversi per quanto riguarda la regolamentazione degli scioperi ATC", spiega Pring. "In alcuni Paesi, come Italia, Grecia e Spagna, i cosiddetti "sorvoli" sono protetti e gli scioperi riguardano solo il traffico nazionale; in altri, tutti i voli sono colpiti. Questa regolamentazione è di competenza dei governi nazionali".

In che modo la pandemia sta ancora influenzando i controllori di volo europei?

La pandemia comincia a sembrare un ricordo lontano. I voli in Europa sono tornati a oltre il 94% dei livelli del 2019 e il turismo è in piena espansione. Ma per i controllori del traffico aereo, le conseguenze della pandemia si fanno ancora sentire.

Gli ANSP gestiscono il traffico aereo per conto di aziende o Paesi e riscuotono le tariffe dagli utenti dello spazio aereo. Con i voli bloccati durante il COVID-19, le loro entrate sono crollate. Questo ha costretto molti di loro a risparmiare sui costi, ad esempio tagliando il personale.

Gli ANSP che operano nell'ambito del Cielo unico europeo (SES), un'iniziativa dell'UE che cerca di migliorare le loro prestazioni, si trovano ad affrontare ulteriori pressioni sui costi. Il SES fissa obiettivi di sicurezza, ambiente, capacità ed efficienza dei costi.

La valutazione per il 2023 mostra che gli ANSP europei hanno raggiunto gli obiettivi di efficienza dei costi, ma sottolinea che "per alcuni Stati membri, il raggiungimento di questo risultato è stato possibile solo perché non hanno investito adeguatamente nella loro capacità post-pandemia", con effetti a catena sugli obiettivi di capacità. È possibile che questa sia stata una scelta consapevole per contribuire a ridurre i costi in linea con gli obiettivi.

PUBBLICITÀ

Perché gli ANSP sono così pesantemente regolamentati?

Come spiega la IATA, l'associazione di categoria delle compagnie aeree mondiali, "gli aeroporti e i fornitori di servizi di navigazione aerea (ANSP) sono, per la maggior parte, monopoli naturali". Ciò significa che è necessaria una forte regolamentazione per garantire che non aumentino i prezzi in modo arbitrario ed eccessivo. L'obiettivo è anche quello di garantire che migliorino i loro servizi e mantengano l'efficienza.

"In effetti, l'obiettivo del quadro del Cielo unico europeo è quello di incoraggiare i monopoli a fare gli investimenti necessari per essere in grado di fornire una capacità sufficiente e raggiungere i loro obiettivi di prestazione", spiega un portavoce della Commissione europea. "Tali investimenti potrebbero includere la formazione e l'assunzione di personale, l'aggiornamento a sistemi più recenti, l'introduzione di nuove tecnologie, radar e così via".

Per la definizione degli obiettivi di prestazione vengono consultate tutte le parti interessate, compresi gli ANSP, le compagnie aeree e le organizzazioni professionali del personale, e si tiene conto dei diversi punti di vista.

Nel Regno Unito, l'Autorità per l'aviazione civile (CAA), che regolamenta il controllo del traffico aereo, ha approvato un aumento dei prezzi per consentire al fornitore di recuperare i costi persi durante il COVID-19. Il costo medio dei servizi di traffico aereo nel Regno Unito aumenterà di circa 0,43 sterline (0,49 euro) per arrivare a circa 2,08 sterline (2,39 euro) per passeggero e per volo entro il 2027.

Con l'aumento del traffico aereo, gli ANSP sono sotto pressione per assumere più personale. Tuttavia, poiché le regole stabilite dall'Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile (ICAO) delle Nazioni Unite impediscono loro di realizzare profitti, più lavoro non significa maggiori profitti.

PUBBLICITÀ
An easyJet plane bound for Munich, takes off at Tegel Airport in Berlin, Germany, January 2018.
An easyJet plane bound for Munich, takes off at Tegel Airport in Berlin, Germany, January 2018.Jens Kalaene/dpa via AP

Perché gli ANSP hanno difficoltà a assumere?

Secondo Pring, gli ANSP hanno avuto difficoltà a reclutare nuovi ATCO, una sfida che l'intero settore dell'aviazione deve affrontare. Ciò deriva in parte dal fatto che il controllo del traffico aereo è un settore di nicchia che non ha accesso ai migliori talenti.

Poiché la maggior parte degli ANSP sono organizzazioni di servizio pubblico, il loro personale gode di alcuni diritti di sicurezza del lavoro e tende a lavorare fino alla pensione, che in molti Paesi europei è fissata a 60 anni, data la natura stressante del mestiere. Poiché la domanda di controllo del traffico aereo è decollata negli anni '80, molti degli esperti del settore stanno giungendo alla fine della loro carriera proprio in questi anni.

"In prospettiva, molti ANSP dovranno affrontare un'ondata di pensionamenti nel prossimo decennio", aggiunge Pring, il che potrebbe peggiorare notevolmente la situazione se non si interviene al più presto.

Che impatto ha avuto la guerra in Ucraina sul controllo del traffico aereo?

Ancora provati dalla pandemia, gli ANSP sono stati colpiti da una nuova incognita: l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022.

"Questo ha portato a una volatilità del traffico aereo senza precedenti in tutta Europa", afferma Pring.

PUBBLICITÀ

Di conseguenza, gli ANSP si trovano ad affrontare l'incertezza nella pianificazione a lungo e breve termine. Hanno anche incontrato nuove sfide, in quanto gli ATC devono adattarsi ai nuovi flussi di traffico dovuti alla chiusura degli spazi aerei a causa della guerra.

I ritardi del traffico aereo sono diminuiti nel 2023

Tutto ciò non significa però che la sicurezza del trasporto aereo sia stata compromessa in alcun modo. Come osserva Pring, "durante la pandemia e la ripresa, il settore ATM [gestione del traffico aereo] ha continuato a garantire operazioni di volo sicure ed efficienti".

L'estate 2023 ha portato persino alcuni successi operativi. I ritardi nella gestione del flusso del traffico aereo per volo sono diminuiti del 18%, passando da 2,7 minuti per volo a 2,3 minuti, rispetto al 2022, escludendo i fattori meteorologici.

Durante l'importante esercitazione aerea militare della NATO svoltasi a giugno sopra la Germania, gli ANSP sono riusciti a far volare i viaggiatori con meno interruzioni del previsto. Solo 12.474 voli hanno subito ritardi diretti su un totale di 293.928, pari al 4% di tutti i voli.

PUBBLICITÀ

Come possono quindi gli ANSP sfruttare questo momento positivo?

Come può l'Europa risolvere i suoi problemi di controllo del traffico aereo?

Lundgren, il patron di EasyJet, potrebbe aver colto nel segno quando ha affermato che il modo in cui il controllo del traffico aereo è strutturato, gestito e regolamentato ha bisogno di essere modernizzato.

"Per far fronte all'aumento del traffico aereo occorreranno investimenti in tecnologia, soprattutto maggiore digitalizzazione o automazione, ma anche in personale", afferma Pring. "Si tratta quindi di un obiettivo importante per gli ANSP europei".

In Francia, i miglioramenti sono già in programma. Il Paese ha programmato un'importante revisione del sistema di controllo del traffico aereo nel 2024, con la riduzione di migliaia di voli durante l'installazione.

Anche gli obiettivi del Cielo unico europeo dell'Ue hanno un ruolo da svolgere. "Nella definizione degli obiettivi per i prossimi anni, è fondamentale trovare il giusto equilibrio tra l'efficienza dei costi (che determina quanto gli ANSP possono far pagare ai clienti delle compagnie aeree) e l'ambiente", afferma Pring.

PUBBLICITÀ

"Solo in questo modo gli ANSP avranno mezzi finanziari sufficienti per investire nelle risorse necessarie - personale e infrastrutture - per servire i loro clienti".

Questo non è l'unico ruolo della Commissione europea in questo dossier. "La Commissione sta collaborando con gli Stati membri per riformare la formazione degli ATCO, che è inutilmente lunga e complessa", afferma un portavoce dell'Ue.

L'obiettivo è anche quello di migliorare la gestione della rete e la resilienza del sistema "consentendo la mobilità transfrontaliera degli ATCO e/o la fornitura di servizi transfrontalieri per colmare le lacune di capacità", aggiungono.

Tali riforme del Cielo unico europeo non solo contribuirebbero a rendere la fornitura di servizi più efficiente, flessibile e scalabile, ma "dovrebbero anche contribuire a ridurre le cancellazioni dei voli in caso di scioperi".

Euronews Travel ha contattato il sindacato francese SNCTA, il sindacato belga Union Syndicale Bruxelles (USB) e i sindacati britannici GATCO e Prospect, ma non ha ricevuto risposta.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco perché viaggiare con Ryanair potrebbe costare più caro quest'estate

Ecco le migliori spiagge del mondo (e il podio è tutto europeo)

Volo cancellato? Ecco a cosa hanno diritto i passeggeri dell'Ue e del Regno Unito