Spagna, a Benidorm bagnanti attaccati da pesci

I turisti delle spiagge di Benidorm sono stati messi in guardia da possibili attacchi da parte di pesci
I turisti delle spiagge di Benidorm sono stati messi in guardia da possibili attacchi da parte di pesci Diritti d'autore AP Photo/Alvaro Barrientos
Di Euronews Travel
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

In alcune spiagge nei pressi di Benidorm, in Spagna, numerose persone ogni giorno sono state morse da pesci in mare

PUBBLICITÀ

I turisti di Benidorm, città portuale spagnola sono stati messi in guardia dalle autorità locali dopo una serie di attacchi subiti dai pesci "piranha" ad Alicante. Una delle spiagge più famose della zona, Poniente, è diventata un luogo nel quale essere morsi non è inusuale: secondo il quotidiano spagnolo Información, in alcune giornate ai soccorritori sono arrivate più di quindici richieste di aiuto.

I pesci sarebbero attratti da verruche, nei o piccole ferite sulla pelle, soprattutto nelle persone anziane.  Il loro morso può far provocare sanguinamento e lasciare segni della dentatura su gambe, braccia e schiena. Chi è stato attaccato dice che i pesci sono lunghi circa 30 centimetri e sono facilmente identificabili da una macchia nera sulla coda.

Ai bagnanti viene anche consigliato di non entrare in mare con gioielli che brillano, perché ciò può attirare altre specie e provocare attacchi. 

Getty via Canva
I peschi che hanno attaccato i bagnanti in Spagna sono facilmente individuabili grazie ad una caratteristica macchia nera sulla codaGetty via Canva

Perché i pesci attaccano le persone nel mare di Benidorm?

Gli esperti hanno avvertito che le alte temperature dell'acqua potrebbero essere alla base dell'aumento degli attacchi. Essa infatti accelera il metabolismo dei pesci, ne aumenta l'appetito e li spinge a cercare più cibo. 

Secondo il laboratorio di Climatologia dell'università di Alicante, la temperatura del mare al largo della costa di Benidorm si aggira attualmente intorno ai 29-30°C. L'Istituto di Ecologia costiera è a conoscenza del problema dall'estate del 2017, quando il servizio di soccorso e pronto intervento di Alicante ha iniziato a segnalare gli attacchi. Anche altre località spagnole, tra cui alcune sulla Costa Brava e in Catalogna, hanno avuto problemi simili negli anni precedenti.

Gli Oblada melanura, questo il nome scientifico dei pesci in questione, si trovano solitamente intorno all'isola di Tabarca, ad otto chilometri dalla terraferma, dove i turisti possono dar loro da mangiare nel porto. Sono onnivori e di solito mangiano piccoli invertebrati come i gamberi, ma quest'anno si sono avvicinati molto di più alla costa e sembrano aver sviluppato una particolare predilezione per i turisti.

Un portavoce del dipartimento spagnolo delle Specie marine ha dichiarato che i pesci "sono abituati a essere nutriti, può esserci perciò un'alta densità di popolazione e non scappano dalle persone".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Barcellona, almeno 100mila catalani in piazza per chiedere l'indipendenza

Sardegna, rubare sabbia sulle spiagge può costare molto caro

Spagna, la Tomatina tinge di rosso le vie di Buñol