Turchia, viaggio alla scoperta dei migliori percorsi di cicloturismo: tra sport, natura e storia

I ciclisti in Türkiye possono costeggiare le antiche città e i siti del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, Pergamo e Efeso.
I ciclisti in Türkiye possono costeggiare le antiche città e i siti del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, Pergamo e Efeso. Diritti d'autore GoTürkiye
Diritti d'autore GoTürkiye
Di Euronews - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button

La Turchia è il posto ideale per andare in bicicletta. Tutto merito del clima (inverni miti e estati non troppe calde) e dell'organizzazione del cicloturismo sulle piste ciclabili turche

PUBBLICITÀ

Ciclisti: la Turchia aspetta voi e le vostre ruote!

Che sia una bici da strada, una bici da corsa, una mountain bike, una gravel bike o una e-bike, la Turchia ha molto da offrire.
Merito soprattutto del clima, come spiega Aydin Ayhan Güney, dell'agenzia "Argeus Travel and Events".

"La Turchia può offrire la possibilità di andare in bicicletta all'aperto tutto l'anno", racconta Aydin.
“Le coste meridionali e occidentali del Paese sono molto adatte per andare in bicicletta durante i mesi invernali. La costa del Mar Nero offre buone condizioni meteorologiche durante i mesi estivi, non troppo caldi. I mesi primaverili e autunnali sono perfetti per andare in bicicletta nel cuore della Turchia”.

Queste condizioni sono ugualmente allettanti per i ciclisti professionisti e per i vacanzieri.
“La zona di Antalya, durante l'inverno, offre molti hotel all-inclusive di buona qualità a prezzi estremamente ragionevoli", continua il nostro agente di viaggio di fiducia.
"Ecco perché ci sono molte squadre ciclistiche professionistiche e amatoriali che vengono in Turchia per gli allenamenti invernali. Stazioni sciistiche come Erciyes e Palandöken, nel centro della Turchia, sono anche una destinazione preferita per gli allenamenti in alta quota durante l'estate. Oltre al clima adatto in tutto il Paese, le possibilità di alloggio sono illimitate, con prezzi molto ragionevoli, soprattutto nella bassa stagione turistica".

Dove parcheggiare le ruote?

L'alloggio è la chiave di una strategia che il turismo turco ha adottato per incoraggiare lo sviluppo del turismo in bicicletta, come "modalità sostenibile" di visitare la Turchia.
Perciò esiste un certificato di accreditamento per strutture ricettive a "misura di bicicletta".
Gli hotel che vogliono essere accreditati devono soddisfare determinate condizioni: tra cui, fornire un parcheggio custodito per le biciclette, nonché un'area per il lavaggio e la riparazione delle biciclette e attrezzature per la manutenzione, assumere personale con conoscenza dei percorsi ciclabili della zona e in grado di fornire informazioni sulle condizioni stradali e previsioni del tempo. E persino servire menu nutrizionalmente adatti ai ciclisti.

Il Ministero della Cultura e del Turismo e la Türkiye Tourism Promotion and Development Agency(TGA) - fondata appena nel 2019 - hanno lanciato congiuntamente lo schema di accreditamento nel 2020 e hanno già certificato diverse strutture ricettive "Bike Friendly".

Strutture che comprendono lussuosi resort in riva al mare, come il "Limak Atlantis Deluxe Hotel" a Belek, in Antalya, e il suo resort sportivo gemello, il "Limak Arcadia Sport Resort Hotel", con ben 97.000 metri quadrati. Quest'ultimo dispone di strutture per il calcio, il basket, la pallavolo, il judo, il tennis, il rugby e il baseball, oltre che per i ciclisti. Ospita anche tornei e ritiri di allenamento. Altre opzioni includono hotel spa e centri benessere, come il "Korel Thermal Resort", appena fuori Afyon, o "Hapimag Sea Garden Resort", sulla spiaggia a Bodrum.

GoTürkiye
Panorama mozzafiato dalla pista ciclabile Eurovelo, a Izmir.GoTürkiye

Il miglior posto al posto per andare in bici? La Cappadocia"

Quindi, ora che sapete dove poter alloggiare, quali sono i migliori percorsi ciclabili della Turchia?

Per Aydin, il nostro agente di viaggio, è una domanda facile: “La zona migliore per il ciclismo in Turchia, e probabilmente nel mondo, è la Cappadocia. Con il suo paesaggio unico, la storia, la cultura anatolica e la rete illimitata di fuoristrada, è un vero paradiso per i ciclisti, in particolare per gli amanti della mountain bike e dello sterrato.

La Cappadocia, che si trova nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, offre molte opzioni per i ciclisti su strada e in mountain bike.

Su strada, i percorsi includono Kayseri, Erciyes e Develi, mentre i percorsi sterrati per mountain bike includono Ürgüp-Ortahisar-Ürgüp, che passa attraverso i vigneti, perfetto per una pausa rinfrescante, Ürgüp-Damsa Dam-Ürgüp, dove è possibile vedere chiese rupestri del X secolo e - infine - un più agevole trekking da Güzelyurt, attraverso il canyon di Ihlara, fino alla città sotterranea di Derinkuyu.

GoTürkiye
In bicicletta attraverso la Cappadocia.GoTürkiye

"EuroVelo" in... salsa turca

In alternativa, la rete di piste ciclabili europee "EuroVelo" – 17 percorsi, per un totale di 90.000 km attraverso il Vecchio Continente – ha recentemente esteso la Route 8, la sua rotta mediterranea, fino in Turchia, dove segue la costa della penisola di Smirne per 500 chilometri, ripercorrendo la storia degli insediamenti, dagli antichi Ioni all'Impero Ottomano.
I ciclisti possono attraversare due delle città antiche più importanti della regione, Pergamo ed Efeso, siti Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco.

Marmaris offre percorsi più dolci, adatti a gravel ed e-bike, nonché sfide per ciclisti su strada e mountain bike, mentre l'area di Köyceğiz, Ortaca e Dalaman offre percorsi sia per mountain bike che per e-bike, attraverso foreste di alberi di gomma dolce, lungo fiumi e intorno a laghi e antiche tombe rupestri del passato.

Il nostro agente di fiducia, Aydin, ci spiega che i recenti sforzi della Turchia per promuovere il cicloturismo hanno dato i loro frutti e si aspetta che il settore continui a crescere.

"Il cicloturismo in Turchia sta crescendo rapidamente"

"Organizzo vacanze in bicicletta da oltre 30 anni", racconta Aydin.
“All'inizio è stato estremamente difficile, perché le biciclette erano considerate un giocattolo per bambini. Ma ora ci sono molte più persone che vanno in bicicletta e la usano come mezzo di trasporto e per fare sport. Non siamo ancora al livello dove speravamo di essere, ma il cicloturismo sta crescendo rapidamente, soprattutto negli ultimi cinque anni”.

Condividi questo articolo