EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Naha, la culla del karaté

Naha, la culla del karaté
Diritti d'autore 
Di Marta Brambilla
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'arcipelago di Okinawa non è famoso solo per le bianche spiagge e la barriera corallina, ma anche in quanto luogo dove è nata la famosa arte marziale giapponese.

PUBBLICITÀ

Uno stile di vita a misura d’uomo quello delle isole di Okinawa. Un ritmo e delle abitudini che fanno sì che qui risieda la maggior parte dei centenari viventi al mondo. Ed è proprio in queste isole tropicali del Giappone che nel 19mo secolo è nato il karaté. Il suo nome è composto da kara, che significa "vuoto", e te che significa "mano" e lo si deve al fatto che questa arte marziale si pratica a mani nude.

Siamo andati a Naha, dove è nato il Karaté, che non è solo un’arte marziale ma una vera e propria filosofia di vita.

Gli appassionati di Karaté, che nel 2020 per la prima volta approderà ai Giochi Olimpici che si terranno a Tokyo, arrivano da tutto il mondo per allenarsi in queste isole, considerate la sua culla.

La nostra "Karate Kid" Marta Brambilla Pisoni in azione

“La gente di Okinawa - dice Yoshimitsu Matsusaki, della Karate-Do Federation di Okinawa- attraverso il Karaté allena la propria mente e la propria anima. E questo stato mentale è il vero fascino del karaté. Essere forti fisicamente non è abbastanza”.

Sono ben 430 i dojo (piccole palestre) dove si può fare karaté nell’arcipelago di Okinawa. Anche i principianti possono apprendere le prime nozioni di questa disciplina con un allenamento di qualche ora. Ma, avverte Matsusaki, “È necessario dominare la paura e gestire il fallimento. Bisogna essere mentalmente molto forti per riuscire”.

Condividi questo articolo