EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lotta al cancro: una nuova tecnologia permette di distruggere il 99% delle cellule tumorali in laboratorio

Un esempio di cellule di melanoma.
Un esempio di cellule di melanoma. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Lauren Chadwick
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'esperimento, che ha permesso di eliminare il 99% delle cellule di melanoma in laboratorio, potrebbe aprire nuovi orizzonti per il trattamento del cancro.

PUBBLICITÀ

Alcuni scienziati statunitensi hanno trovato un nuovo modo per distruggere le cellule tumorali stimolando le molecole e facendole vibrare con luce infrarossa. Secondo i ricercatori, il metodo è stato efficace al 99 per cento contro le colture di laboratorio di cellule di melanoma umano.

Il metodo consiste nel far vibrare una piccola molecola di colorante utilizzata per le immagini mediche, stimolandola con la luce a raggi infrarossi. Si forma così un fenomeno chiamato plasmon, ovvero una rapida oscillazione degli elettroni della molecola avanti e indietro, simile alle onde del mare, che provoca la rottura della membrana delle cellule cancerose.

I risultati sono stati pubblicati a dicembre su Nature Chemistry.

"La vibrazione attivata dalla luce a raggi infrarossi significa che tutto ciò che è circondato dalla molecola viene distrutto, in questo caso la cellula tumorale", ha dichiarato a Euronews Next Ciceron Ayala-Orozco, ricercatore presso la Rice University negli Stati Uniti e autore principale dello studio.

Ma se finora i ricercatori hanno scoperto che il metodo del "martello pneumatico molecolare" è efficace in laboratorio e sui topi, ora la sfida è applicare questo metodo all'uomo.

La vibrazione attivata dalla luce a raggi infrarossi significa che tutto ciò che è circondato dalla molecola viene distrutto, in questo caso la cellula tumorale.
Ciceron Ayala-Orozco
Ricercatore presso la Rice University

I ricercatori sperano che questo metodo possa essere applicato alle terapie umane prima del previsto.

I principali ostacoli all'applicazione di questo tipo di metodo sugli esseri umani sono i potenziali "effetti collaterali e la tossicità", ha aggiunto Ciceron Ayala-Orozco.

Nuovi modi per trattare il cancro

La dottoressa Nisharnthi Duggan, del Cancer Research nel Regno Unito, che non ha partecipato allo studio, ha dichiarato che "una delle principali sfide della ricerca sul cancro è la progettazione di farmaci a cui le cellule tumorali non diventino resistenti".

"Questo studio dimostra che esiste la possibilità di utilizzare la luce infrarossa per stimolare alcune molecole e farle vibrare, uccidendo così le cellule tumorali, un processo al quale è improbabile che sviluppino resistenza. Si tratta di una ricerca in fase iniziale, ma l'idea potrebbe portare a nuovi modi di trattare alcuni tipi di cancro", ha aggiunto.

Una delle principali sfide della ricerca sul cancro è la progettazione di farmaci a cui le cellule tumorali non diventino resistenti.
Nisharnthi Duggan
Cancer Research

Gli scienziati della Rice University avevano già utilizzato molecole attivate dalla luce per distruggere batteri, cellule tumorali e funghi, utilizzando la luce visibile anziché i raggi ultravioletti.

Questo nuovo metodo, tuttavia, utilizza martelli pneumatici molecolari, che sono molto più veloci dei motori molecolari usati in precedenza, basati sul lavoro del premio Nobel Bernard Feringa.

"Ogni volta che la luce colpisce la molecola, questa inizia a espandersi e a contrarsi", ha spiegato Ayala-Ozozco, "In un secondo, la molecola oscilla o vibra mille miliardi di volte". "È così veloce che le forze meccaniche intorno alla molecola, a causa della vibrazione, smonteranno le strutture biologiche".

L'effetto terapeutico dei martelli pneumatici molecolari è stato testato sui topi, applicandoli tramite iniezione intratumorale. Ciò significa che le molecole sono state iniettate direttamente nei tumori del melanoma.

Dei dieci topi appartenenti a uno dei quattro gruppi, cinque erano guariti dal tumore sette mesi dopo. Il metodo sembra dunque essere efficace al 50 per cento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Grenoble il primo Tech&Fest, salone dell'eccellenza tecnologica europea

Cinque oggetti comuni da evitare per ridurre l'esposizione ai Pfas

Ozempic e Wegovy sono legati a una patologia che potrebbe causare la cecità