Cina, aumento dei casi di polmonite tra i bambini. L'Oms chiede informazioni

In aumento i casi di polmonite tra i bambini in Cina
In aumento i casi di polmonite tra i bambini in Cina Diritti d'autore AP Photo/Andy Wong
Di Euronews Digital
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'aumento di casi di polmonite tra i bambini ha destato la preoccupazione dell'Organizzazione mondiale della sanità, che ha presentato una richiesta ufficiale per avere informazioni più dettagliate

PUBBLICITÀ

Nessun agente patogeno sconosciuto sta causando l'improvviso aumento di casi di polmonite tra i bambini cinesi. È quanto ha affermato da Pechino in risposta alla richiesta di informazioni dettagliate da parte dell'Organizzazione mondiale della Sanità, preoccupata per l'impennata dei ricoveri per malattie respiratorie nella Cina settentrionale.

"Le autorità cinesi hanno indicato che non sono stati rilevati agenti patogeni nuovi o insoliti, né segni clinici insoliti, anche a Pechino e Liaoning, ma solo l'aumento generale del numero di casi di malattie respiratorie dovute ad agenti patogeni noti", ha dichiarato l'Oms in un comunicato.

Dalla metà di ottobre, l'Oms sta studiando i dati dei sistemi di sorveglianza cinesi, che mostrano un aumento significativo delle malattie respiratorie tra i bambini nel nord del Paese.

Una situazione da monitorare

Gli scienziati hanno affermato che la situazione merita un attento monitoraggio, ma non sono convinti che il recente picco di malattie respiratorie in Cina segni l'inizio di una nuova epidemia globale.

La comparsa di nuovi ceppi influenzali o di altri virus in grado di scatenare pandemie inizia in genere con gruppi di malattie respiratorie non diagnosticate. Sia la SARS che il COVID-19 sono stati segnalati per la prima volta come tipi insoliti di polmonite.

L'Oms ha rilevato che il 13 novembre le autorità della Commissione nazionale per la salute della Cina hanno segnalato un aumento delle malattie respiratorie, dovuto, secondo loro, alla revoca delle restrizioni di blocco del COVID-19. Anche altri Paesi hanno registrato un aumento delle malattie respiratorie.

l dottor Paul Hunter, professore di medicina presso l'Università britannica di East Anglia, dubita che l'ondata di infezioni sia stata provocata da un nuovo virus. "Se si trattasse di una nuova malattia, mi aspetterei di vedere molte più infezioni negli adulti", ha dichiarato. "Le poche infezioni riportate negli adulti suggeriscono un'immunità esistente dovuta a una precedente esposizione".

Francois Balloux dell'University College di Londra ha affermato che la Cina sta probabilmente vivendo un'ondata significativa di infezioni infantili, poiché questo è il primo inverno da quando sono state rimosse le restrizioni di isolamento, che probabilmente hanno ridotto l'immunità dei bambini agli insetti comuni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Focolai di polmonite in Cina. L'Oms rassicura: "Nessun nuovo patogeno"

COVID, alcune mutazioni potrebbero essere legate all'uso di un farmaco

Cina: scoppia una nuova epidemia di polmonite virale