EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perché in alcuni Paesi dell'Ue è più difficile trovare i farmaci?

In collaborazione con The European Commission
Perché in alcuni Paesi dell'Ue è più difficile trovare i farmaci?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Paesi come la Polonia i tempi di attesa possono essere molto lunghi. La riforma farmaceutica proposta dalla Commisione europea punta a ridurre queste disparità, ma serve la collaborazione delle aziende produttrici

Kuba Molka è un ingegnere informatico di 41 anni. Vive in Polonia ed è un appassionato di ciclismo. Kuba ha iniziato ad avere seri problemi di salute fin da adolescente. "I miei sintomi erano diarrea e sangue nelle feci - dice a Euronews -. Tutti i medici dicevano che era dovuto allo stress prima degli esami di maturità. Ma quando ho finito gli esami di maturità e di ammissione all'università, il problema c'era ancora. È stato allora che ho iniziato seriamente a cercare aiuto".

A Kuba fu diagnosticata la colite ulcerosa, una malattia cronica. I trattamenti successivi si sono rivelati sempre meno efficaci e sempre più soggetti a effetti collaterali. Sia in Polonia che nell'Unione europea è disponibile un farmaco iniettabile, adatto alla sua condizione. Tuttavia, per mesi Kuba non è riuscito a ottenerlo. Per avere accesso al farmaco ha dovuto partecipare come volontario a un programma di ricerca in corso.

"La prima cosa che ho fatto è stata chiedere al mio medico se ci fossero altre strade da percorrere per ottenere il farmaco di cui ho bisogno - dice Molka -. Poi gli è venuta l'idea di partecipare a una ricerca. Piano piano sto iniziando a vedere che c'è un miglioramento nella mia condizione".

Come Kuba, migliaia di altri pazienti polacchi ed europei hanno difficoltà ad accedere ai farmaci più recenti ed efficaci. I periodi di attesa prima di avere accesso ad alcuni di questi farmaci possono essere molto lunghi. Le disparità tra i Paesi dell'Unione europea sono notevoli. I medici hanno spesso poche opzioni: secondo il gastroenterologo di Kuba le conseguenze per i pazienti sono terribili.

"Ci sono pazienti che non rispondono più ai farmaci più vecchi - dice il gastroenterologo -. Senza farmaci non abbiamo nulla da offrire a questi pazienti. A volte alcuni di loro trovano studi clinici e cercano di ottenere i farmaci in questo modo. Se fossimo in grado di curarli più velocemente, sarebbe meglio per i pazienti, ovviamente".

Un recente studio ha identificato 10 fattori che potrebbero spiegare perché i farmaci e le terapie disponibili in alcuni Stati membri dell'Unione europea sono invece indisponibili in altri. Alcuni di questi fattori possono essere affrontati a livello europeo, come indicato nella recente proposta di riforma farmaceutica della Commissione europea.

"Dobbiamo fornire forti incentivi alle aziende in modo che rilascino nuovi farmaci a tutti gli Stati membri nello stesso momento - dice Stella Kyriakides, Commissario europeo per la Salute e la Sicurezza alimentare -. Nella riforma stiamo anche migliorando il processo di autorizzazione. Ad esempio, sarà possibile autorizzare molto prima i farmaci attraverso l'Agenzia europea per Medicinali. Oggi sono necessari circa 400 giorni per autorizzare un nuovo farmaco. Con le nuove procedure che stiamo mettendo in atto, ce ne vorranno 180. Questo significa che arriveranno sugli scaffali delle farmacie molto più velocemente".

Secondo Nathalie Moll, direttore generale della Federazione europea delle industrie e delle associazioni farmaceutiche, le aziende sono pronte a discutere di queste innovazioni e a prendere impegni. "L'obiettivo è che i nostri prodotti raggiungano il maggior numero di pazienti possibile, nel modo più ampio possibile - dice Moll -. Le differenze di accesso e disponibilità sono multifattoriali. Non c'è una soluzione semplice. Come industria, ci siamo impegnati a trovare un prezzo in ogni singolo Stato membro entro due anni dall'approvazione dei prodotti. Inoltre abbiamo proposto di avere un quadro dei prezzi, in modo che i Paesi possano acquistare i prodotti in base al loro potere d'acquisto. Perché Paesi diversi hanno poteri d'acquisto diversi".

Quali che siano le soluzioni, alcuni pazienti non hanno molto tempo a disposizione. La partecipazione volontaria a un programma di ricerca ha assicurato a Kuba un trattamento efficace per due anni. Ma il futuro è ancora incerto. "Mi preoccuperò quando sarà il momento. Questo è il mio motto - dice Mola -. Mancano ancora due anni, quindi credo che alcune cose possano cambiare in meglio".

Condividi questo articolo