EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La conta degli spermatozoi sta diminuendo: ecco perché

La conta spermatica è drasticamente diminuita negli ultimi decenni
La conta spermatica è drasticamente diminuita negli ultimi decenni Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Luke Hurst
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Secondo i ricercatori dell'Università Semmelweis in Ungheria, le cause principali sono l'inquinamento, il fumo, l'età e alcune condizioni di salute

PUBBLICITÀ

La capacità riproduttiva degli uomini è diminuita drasticamente negli ultimi decenni e una nuova analisi ha rivelato quali sono i fattori che rappresentano il rischio maggiore per la qualità dello sperma.

La conta degli spermatozoi in tutto il mondo si è dimezzata negli ultimi 50 anni, con un ritmo più che raddoppiato dal 2000, secondo una recente ricerca sulla fertilità maschile.

I ricercatori dell'Università Semmelweis in Ungheria hanno approfondito i risultati di quasi 27.000 studi per determinare le maggiori cause di deterioramento delle cellule spermatiche e hanno scoperto che l'inquinamento, il fumo, l'età e alcune condizioni di salute specifiche ne sono i principali responsabili.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Reproductive Biology and Endocrinology.

La funzionalità degli spermatozoi viene testata mediante "l'analisi della frammentazione del Dna", attualmente l'unico test basato sull'evidenza per effettuare la determinazione, ha spiegato il dottor Zsolt Kopa, capo del Centro di Andrologia presso il Dipartimento di Urologia dell'Università Semmelweis.

PER APPROFONDIRE: Pochi spermatozoi, aborti spontanei, demenza, tutti i danni dello smog

Età, inquinamento, stile di vita

Gli scienziati di Semmelweis hanno cercato in tre database internazionali studi precedentemente pubblicati: dei 26.901 articoli trovati, ne hanno utilizzati 190 per la loro meta-analisi. Tutti sono stati pubblicati tra il 2003 e il 2021, principalmente in Europa, Stati Uniti e Asia, alcuni in Africa e Australia.

Sono stati confrontati i dati di migliaia di uomini curati nelle cliniche per l'infertilità e alcuni risultati hanno sorpreso anche gli stessi ricercatori.

"Sulla base di ricerche precedenti, ci aspettavamo che la qualità degli spermatozoi iniziasse a deteriorarsi in modo significativo dopo i 40 anni, ma la nostra meta-analisi suggerisce che questa età potrebbe essere molto più alta", ha affermato la dott.ssa Anett Szabó, dottoranda e prima autrice dello studio. 

"Ma, ovviamente, questo non vuol dire che valga la pena aspettare per mettere su famiglia, anche perché altri parametri importanti possono deteriorarsi con l'avanzare dell'età".

LEGGI ANCHE: Secondo la scienza la crescita della dimensione del pene è "legata all'inquinamento"

Questioni di salute alla base del problema

Anche alcuni problemi di salute hanno dimostrato di essere un fattore che influisce negativamente. È stato riscontrato che il varicocele per esempio aumenta la frammentazione in media del 13,62%, e che la ridotta tolleranza al glucosio influisce in misura simile.

I tumori possono causare un aumento della frammentazione dell'11,3%.

"Negli ultimi anni, c'è stata una crescente richiesta di misurare la fertilità maschile con parametri funzionali e oggettivi, oltre alle classiche caratteristiche quantitative e qualitative", ha affermato Kopa.

Secondo gli esperti smettere di fumare, fare abbastanza esercizio fisico o mangiare in modo più sano è un buon inizio per chi sta pianificando di provare ad avere un bambino.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Problemi a rimanere incinta? I Pfas nei prodotti per la casa possono ridurre la fertilità del 40%

Papa Francesco agli Stati Generali della Natalità: "Necessarie scelte coraggiose"

Malta: l'ex premier Joseph Muscat travolto dallo scandalo degli ospedali