Scienziati: "Crescita della dimensione del pene dovuta all'inquinamento"

Could chemical pollution be increasing average penis length?
Could chemical pollution be increasing average penis length? Diritti d'autore Canva
Di Euronews Green
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I peni si stanno allungando e dovremmo preoccuparcene, dicono gli scienziati

PUBBLICITÀ

I peni si stanno allungando e dovremmo preoccuparcene, dicono gli scienziati.

La lunghezza media globale del pene è aumentata del 24% negli ultimi 29 anni, ha concluso una nuova meta-analisi della Stanford University.

I ricercatori hanno raccolto dati da 75 studi, condotti tra il 1942 e il 2021, che riportavano la lunghezza del pene di 55.761 uomini, scoprendo che la lunghezza media eretta è aumentata da 4,8 pollici (12,1 cm) a 6 pollici (15,24 cm) negli ultimi tre decenni.

Il titolo potrebbe suscitare una risatina da parte del timido lettore, tuttavia questa crescita "rapida" è potenzialmente preoccupante, ha avvertito il ricercatore, Michael Eisenberg.

“L'aumento è avvenuto in un periodo di tempo relativamente breve: qualsiasi cambiamento generale nello sviluppo è preoccupante, perché il nostro sistema riproduttivo è uno dei pezzi più importanti della biologia umana.

Se stiamo assistendo a un cambiamento così rapido, significa che sta accadendo qualcosa di potente al nostro corpo".

Perché i peni si allungano?

I ricercatori si aspettavano di vedere un calo della lunghezza media del pene maschile nel tempo e sono rimasti "sorpresi" dai risultati, che potrebbero essere causati da una serie di fattori.

La principale tra queste possibili cause è la prevalenza di sostanze chimiche nocive nei pesticidi e nei prodotti per l'igiene.

Canva
Chemical pollution has negative ramifications for reproductive health.Canva

"Queste sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, e ce ne sono molte, esistono nel nostro ambiente e nella nostra dieta - ha affermato - il cambiamento della costituzione del nostro corpo influisce anche sul nostro ambiente ormonale. 

L'esposizione chimica è stata anche ipotizzata come causa per ragazzi e ragazze che entrano nella pubertà prima, il che può influenzare lo sviluppo genitale".

Lo studio è abbastanza completo: tuttavia, altri esperti hanno suggerito una tendenza nella direzione opposta.

Quale altro impatto hanno le sostanze chimiche sulla salute riproduttiva umana?

La ricerca suggerisce che le sostanze chimiche stanno avendo un profondo impatto sui nostri sistemi riproduttivi.

Il numero di spermatozoi tra gli uomini nei Paesi occidentali è diminuito del 59% tra il 1973 e il 2011, secondo una meta-analisi di 185 studi che hanno coinvolto 45.000 uomini.

Le sostanze chimiche possono avere un impatto anche sulla futura fertilità dei bambini ancora in utero: uno studio danese, pubblicato la scorsa settimana, ha rilevato che l'esposizione delle donne a pericolose "sostanze chimiche PFAS" (che non si degradano) durante l'inizio della gravidanza potrebbe portare i bambini maschi ad avere un numero e una qualità di spermatozoi inferiori più avanti nella vita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Olanda cerca di fermare donatore seriale di sperma

Scienziati: "I milionari bruceranno i due terzi del bilancio globale del carbonio entro il 2050"

Fertilità in calo dal 1950