L'antitrust Usa fa causa ad Apple: "Monopolio illegale danneggia la concorrenza e i consumatori"

Logo Apple
Logo Apple Diritti d'autore AP Photo/Jeff Chiu, File
Diritti d'autore AP Photo/Jeff Chiu, File
Di Ilaria CicinelliEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Quello di Apple è monopolio illegale nel mercato degli smartphone ai danni della concorrenza e dei consumatori, secondo l'antitrust Usa. Sulla scia delle accuse i titoli dell'azienda hanno già perso il 3 per cento a Wall Street

PUBBLICITÀ

Una causa antitrust contro Apple. Il dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti insieme ai procuratori generali di 16 Stati Usa hanno accusato giovedì il gigante tecnologico di aver creato un monopolio illegale sugli smartphone che esclude i concorrenti e soffoca l'innovazione digitale.

Le motivazioni dietro le accuse dell'antitrust contro Apple

L'azione legale, depositata presso il tribunale federale del New Jersey, sostiene che Apple detiene un potere monopolistico nel mercato degli smartphone e utilizza il suo controllo sull'iPhone per "intraprendere una condotta prolungata e illegale". L'azienda violerebbe le leggi antitrust impedendo ai rivali di accedere alle funzionalità hardware e software del suo iPhone. Sulla scia delle accuse i titoli di Apple a Wall Street sono calati dell'3 per cento. 

L'antitrust federale statunitense afferma che le pratiche contro la concorrenza di Apple si estendono ben oltre l'iPhone e l'Apple Watch e riguardano FaceTime, il suo browser, la pubblicità e l'offerta di news. Il gigante tecnologico avrebbe bloccato gli sviluppatori di software e le società di videogiochi dall'offrire opzioni migliori per l'iPhone, causando prezzi più alti per i consumatori. Secondo l'accusa Apple di fatto ha usato il suo potere nel settore degli smartphone, incompatibili con i prodotti di altre piattaforme, per limitare la concorrenza.

L'azienda avrebbe dunque introdotto misure per costringere i consumatori ad acquistare nuovi modelli di iPhone, per via dell'incompatibilità tra i prodotti Apple e quelle di altre aziende.

La reazione di Apple alle accuse dell'antitrust Usa

Apple ha definito l'azione legale "sbagliata nei fatti e nella legge" e ha dichiarato che si difenderà vigorosamente.Il presidente Usa Joe Biden ha chiesto al dipartimento di Giustizia e alla Federal Trade Commission di applicare con forza gli statuti antitrust.

L'azienda ha dichiarato che l'azione legale, in caso di successo, "ostacolerebbe la nostra capacità di creare il tipo di tecnologia che la gente si aspetta da Apple - dove hardware, software e servizi si intersecano" e "creerebbe un pericoloso precedente, dando al governo il potere di intervenire pesantemente nella progettazione della tecnologia dei cittadini".

Apple ha difeso la scelta definendola una caratteristica indispensabile per i suoi dispositivi, apprezzati dai consumatori che vogliono la migliore protezione disponibile per le loro informazioni personali. Ha descritto la barriera come un modo per distinguere l'iPhone dai dispositivi che utilizzano il software Android di Google, che non è così restrittivo ed è concesso in licenza a un'ampia gamma di produttori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Apple: deludono i ricavi ma volano i servizi

L'Ue designa i "gatekeeper" dell'economia digitale: Amazon, Apple, Google, Meta, Microsoft e TikTok

I colossi tech in difficoltà: da Apple ad Amazon è taglio ai costi