Voto elettronico: è davvero sicuro?

Il voto elettronico è utilizzato da decenni in Paesi come l'India.
Il voto elettronico è utilizzato da decenni in Paesi come l'India. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Aylin Elci
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I sistemi di voto elettronico richiedono investimenti e valutazioni costanti, ma quanto sono sicuri e quali Paesi li usano già?

PUBBLICITÀ

**Nel 2024, circa la metà della popolazione mondiale determinerà il futuro dei propri Paesi nel più grande anno elettorale della storia.**Lontano dai rumorosi palcoscenici delle campagne politiche, i sistemi elettorali avranno la responsabilità di garantire votazioni libere ed eque.

"L'obiettivo non è solo quello di avere un sistema sicuro, ma di avere una democrazia sicura", ha dichiarato a Euronews Next il dottor David Dueñas-Cid, professore associato all'Università Kozminski in Polonia.

A giugno, gli europei eleggeranno il loro Parlamento sulla base di 27 sistemi diversi e per allora Portogallo, Slovacchia, Macedonia del Nord, Lituania, Islanda e Belgio avranno già tenuto le elezioni nazionali.

Solo una minoranza di queste elezioni utilizzerà la tecnologia nel suo processo, che si tratti di esprimere un voto, contare le schede o controllare i database degli elettori.

L'obiettivo non è solo quello di avere un sistema sicuro, ma di avere una democrazia sicura.
David Dueñas-Cid
Professore, università Kozminski

"Nel 1999 si sarebbe detto che il futuro è il voto via Internet, ma siamo nel 2024 e non sono molti i Paesi che votano online", ha detto Dueñas-Cid.

Il professore ritiene che la tecnologia finirà per entrare in tutte le elezioni e che "non esiste un sistema tecnico sicuro al cento per cento".

Cos'è il voto elettronico e chi lo usa?

I Paesi che sperimentano le elezioni elettroniche di solito iniziano con i cittadini residenti all'estero perché, rispetto al voto cartaceo, la tecnologia accelera il conteggio, elimina i voti non validi e rende più facile l'espressione del voto.

Nel 1982, tuttavia, lo Stato meridionale indiano del Kerala ha sperimentato il voto elettronico nelle elezioni locali. Lo scrutinio sarebbe stato annullato e rifatto su carta a causa di problemi legali, ma oggi la più grande democrazia del mondo utilizza ampiamente i dispositivi elettronici, mentre il voto cartaceo è confinato alle aree più remote.

La fiducia è molto, molto importante nel voto. Le persone non diffidano tanto della tecnologia quanto dei loro governi.
Oliver Väärtnõu
CEO di Cybernetica

A maggio di quest'anno, oltre 986 milioni di indiani eleggeranno il parlamento del Paese utilizzando le macchine per il voto elettronico a registrazione diretta (DRE) nei seggi elettorali, che registrano i voti immediatamente, non sono collegate a Internet e stampano le ricevute.

Sebbene l'affidabilità dei DRE sia stata messa in discussione in passato, sono il sistema elettronico più utilizzato, secondo l'Istituto internazionale per la democrazia e l'assistenza elettorale.

Per Oliver Väärtnõu, amministratore delegato dell'azienda tecnologica Cybernetica, l'uso delle macchine per il voto elettronico è un passo avanti verso il voto via Internet, che può essere effettuato online, su qualsiasi dispositivo e da qualsiasi luogo.

Il suo Paese, l'Estonia, è stato pioniere del voto online dal 2005. "Con il voto via Internet abbiamo il metodo di voto più avanzato al mondo, mentre con il voto cartaceo abbiamo il metodo più comune o arcaico", ha dichiarato Väärtnõu, la cui società ha progettato il software i-Voting per l'Estonia.

Quanto è sicuro il voto via Internet?

"Non è un sistema che si costruisce una volta e si lascia in funzione per dieci anni", ha spiegato Väärtnõu a Euronews Next. "L'Estonia lavora costantemente al miglioramento del voto via Internet. Stiamo modificando il software, stiamo esaminando la sicurezza, stiamo valutando ciò che sta accadendo nel mondo e se ha un impatto sulla nostra soluzione di voto via Internet", ha aggiunto.

Nel 2022, l'Estonia ha stanziato 30 milioni di euro per i sistemi informativi digitali dello Stato e, ad oggi, il Paese non ha mai rilevato malware o vulnerabilità durante le elezioni. Ma altri Paesi non possono dire lo stesso.

Alcune zone della Svizzera hanno adottato il voto via Internet nel 2004. Quindici anni dopo, un test pubblico ha scoperto delle falle in un software aggiornato e la diffusione del voto online è stata bloccata fino al marzo 2023. "La falla individuata riguarda l'implementazione della verificabilità universale, un modo per determinare tramite prove matematiche se i voti sono stati manipolati", hanno dichiarato le autorità quando gli hacker hanno individuato la falla.

Oggi gli algoritmi crittografici (utilizzati per la crittografia e l'autenticazione) sono responsabili di garantire che i voti non vengano modificati senza che nessuno se ne accorga, e i codici sorgente delle votazioni su Internet sono pubblicamente disponibili.

Per gli esperti, tutto si riduce a una sola preoccupazione: la fiducia dei cittadini. "La fiducia è molto, molto importante nel voto. Le persone non diffidano tanto della tecnologia quanto dei loro governi", ha affermato l'esperto informatico estone Väärtnõu.

Il futuro del voto

Tuttavia, alcuni Paesi con un passato democratico discutibile stanno passando al voto elettronico.

PUBBLICITÀ

In un'elezione senza "alcuno sfidante reale", alcuni russi potranno scegliere il loro presidente con un sistema elettronico per la prima volta a metà marzo, mentre la Turchia, che lo scorso marzo ha avuto elezioni "libere ma non corrette" secondo gli osservatori internazionali, ha annunciato di aver sviluppato le proprie macchine DRE.

La tecnologia sta diventando sempre più importante e dobbiamo essere molto consapevoli non solo delle possibilità che apre, ma anche dei problemi che potrebbe comportare.
David Dueñas-Cid
Professore alla Kozminski University

Anche altri Paesi, come la Norvegia e il Messico, che consentirà il voto elettronico nelle prossime elezioni presidenziali del giugno 2024 per i cittadini residenti all'estero, stanno valutando la possibilità di integrare la tecnologia nelle elezioni. A tutti i Paesi che stanno effettuando il passaggio, l'esperto Dueñas-Cid raccomanda di "andarci piano".

Il passaggio al voto elettronico è difficile: alcuni partiti politici ritengono che la tecnologia possa influenzare le modalità di voto e spostare le dinamiche di potere, mentre cambiare le abitudini elettorali è complicato perché le persone sono molto abituate al sistema in vigore, secondo l'esperto.

L'anno scorso, per la prima volta, poco più della metà degli estoni ha votato online, ma ci sono voluti quasi trent'anni perché poco più di 300.000 cittadini usassero Internet per le elezioni (l'Estonia ha una popolazione di 1,3 milioni di abitanti, di cui circa la metà è registrata per votare).

Nel 2000, George W. Bush vinse le elezioni presidenziali statunitensi contro Al Gore grazie a un vantaggio estremamente ridotto in Florida. A complicare le cose, alcune contee dello Stato ebbero problemi con il conteggio delle schede perforate. In seguito a questo incidente, nel 2002 è stato introdotto l'Help America Vote Act, per consentire a tutto il Paese di aggiornare la tecnologia di voto.

PUBBLICITÀ

Secondo la Verified Voting Foundation, che studia l'impatto della tecnologia sulle elezioni statunitensi, nei primi anni 2000 l'uso di voti cartacei scansionati elettronicamente (con schede segnate a mano) e di DRE (senza ricevute cartacee) ha subito un'impennata. Circa 15 anni dopo, la carta è tornata in auge e i DRE sono stati considerati insicuri perché non offrivano alcuna prova cartacea. Oggi il Paese utilizza una serie di metodi, in cui prevalgono le schede cartacee marcate a mano.

Tuttavia, il futuro del voto rimane incerto. "Digitalizzeremo l'intero processo di voto? Manterremo le schede cartacee ma digitalizzeremo il resto?", si chiede Dueñas-Cid."Non lo so, ma quello che sicuramente sta accadendo è che la tecnologia sta diventando sempre più importante e dobbiamo essere molto consapevoli non solo delle possibilità che apre, ma anche dei problemi che potrebbe comportare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, boom di video porno deepfake: spesso le vittime sono minorenni

Il nuovo patto Ue per la migrazione "inaugurerà un'era mortale di sorveglianza digitale"

Forse una svolta per Assange: Biden apre alla possibilità di far cadere le accuse