EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Von der Leyen propone un piano per proteggere l'Ue dalle interferenze straniere

La candidata del Ppe e Presidente uscente della Commissione europea Ursula von der Leyen
La candidata del Ppe e Presidente uscente della Commissione europea Ursula von der Leyen Diritti d'autore Aurelien Morissard/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Aurelien Morissard/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Mared Gwyn JonesEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Ursula von der Leyen ha presentato un progetto per uno scudo europeo per proteggere l'Ue da interferenze straniere in caso di una seconda rielezione alla guida della Commissione

PUBBLICITÀ

Nel corso di un intervento al summit per la democrazia di Copenaghen Ursula von der Leyen si è detta "preoccupata" per l'aumento della disinformazione e delle interferenze straniere in Europa, avvertendo che i "principi fondamentali della nostra democrazia" sono sotto attacco.

Proporrò uno scudo contro le ingerenze straniere in caso di rielezione alla guida dell'esecutivo Ue
Ursula von der Leyen
Presidente Commissione europea

Uno scudo europeo contro le ingerenze straniere

La presidente della Commissione europea ha annunciato che proporrà uno scudo europeo contro le ingerenze straniere in caso di rielezione alla guida dell’esecutivo Ue. “Se sarò rieletta presidente, la Commissione proporrà la creazione di uno scudo europeo per la democrazia come una delle priorità principali della prossima Commissione".  L'ambizioso progetto europeo dovrebbe concentrarsi sulle maggiori minacce dovute alle interferenze e alle manipolazioni straniere: per von der Leyen il primo passo riguarda l’individuazione, per poi disporre di mezzi di comunicazione liberi. 

"Inoltre - ha aggiunto la presidente della Commissione Ue -, dobbiamo costruire una competenza pubblica per individuare la manipolazione dell’informazione. Questo significa, da un lato, una migliore condivisione delle informazioni sulle minacce da parte delle varie agenzie che se ne occupano a livello nazionale, ma anche la creazione di nuove capacità comuni a livello europeo". 

In cosa consiste lo scudo contro le ingerenze straniere

Lo scudo avrebbe il compito di individuare la disinformazione online e rimuovere fake-news basandosi sulle regole digitali del Digital Services Act (Dsa) dell'Ue. 

Tra le maggiori preoccupazioni della candidata leader del Ppe la proliferazione delle fake-news e dei deep-fake generati dall'intelligenza artificiale, nonché le notizie secondo cui governi stranieri stiano "comprando influenza e causando il caos" nei parlamenti di tutta Europa.

Dal mese scorso è in corso una vasta indagine sulle accuse secondo cui un numero imprecisato di parlamentari europei - tra cui membri del partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) - avrebbe ricevuto denaro da attori sostenuti dal Cremlino per diffondere propaganda russa. Tra i timori proprio quello che il Cremlino stia cercando attivamente di destabilizzare le società europee in vista delle europee di giugno

Altro caso riguarda un collaboratore dell' eurodeputato AfD Maximilian Krah accusato di spiare per la Cina

Ursula von der Leyen ha inoltre espresso preoccupazione per la serie di attacchi informatici sferrati contro i Paesi europei nelle ultime settimane. Solo nei primi giorni di maggio la Germania ha rivelato come gli account di posta elettronica del cancelliere Olaf Scholz siano stati compromessi da hacker russi l'anno scorso. 

Anche il sito web della campagna elettorale della Von der Leyen è stato oggetto di un attacco orchestrato da bot lo scorso 7 maggio.

Europa impreparata contro le minacce online

Lo scudo europeo è stato progettato anche per colmare una lacuna nelle capacità dell'Europa di affrontare le nuove forme di guerra ibrida, comprese le campagne di disinformazione.

Mentre la Francia e la Svezia dispongono di agenzie nazionali incaricate di monitorare e proteggere dalle interferenze straniere, l'Ue è considerata impreparata ad affrontare le campagne di disinformazione volte a promuovere la divisione e ad alimentare un sentimento anti-europeo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, dure critiche da Washington dopo l'approvazione della "legge russa": "Relazioni a rischio"

L'Ue è pronta a una "guerra commerciale" contro la Cina, avverte Ursula von der Leyen

Von der Leyen e gli altri candidati si preparano al primo dibattito