EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"Il sangue dei bambini palestinesi è sulle sue mani!": attivista interrompe von der Leyen

Ursula von der Leyen doveva tenere un discorso al Vertice europeo sulla difesa e la sicurezza quando un uomo si è alzato per denunciare la sua politica su Israele.
Ursula von der Leyen doveva tenere un discorso al Vertice europeo sulla difesa e la sicurezza quando un uomo si è alzato per denunciare la sua politica su Israele. Diritti d'autore European Union, 2024.
Diritti d'autore European Union, 2024.
Di Michela Morsa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un discorso della presidente della Commissione europea mercoledì a Bruxelles è stato brevemente interrotto da un uomo che l'ha accusata di essere una "criminale" per il suo sostegno a Israele, dichiarando di voler procedere con un "arresto cittadino"

PUBBLICITÀ

La presidente della Commissione europea stava per tenere un discorso al vertice europeo sulla difesa e la sicurezza a Bruxelles, quando è stata interrotta bruscamente da un uomo che si è alzato in piedi e le ha rivolto delle accuse. 

"Signora von der Leyen, questo è un arresto cittadino! Lei è accusata di aver favorito il genocidio a Gaza!" si sente dire dall'uomo. "Lei ha espresso il suo totale sostegno a Israele all'inizio di questo genocidio! Il sangue dei bambini palestinesi è sulle sue mani!".

Gli addetti alla sicurezza si sono rapidamente avvicinati all'uomo, che ha continuato a gridare mentre veniva allontanato dalla stanza. "Lei è una criminale, signora von der Leyen! Dovrebbe essere all'Aia! Non dovrebbe essere qui. Non dovrebbe cercare un secondo mandato! Lei è la guerra, lei è una criminale!".

"Palestina libera! Palestina libera!", ha aggiunto, mentre la sua voce si affievoliva. 

L'uomo si è poi palesato su X: è David Cronin, attivista e giornalista irlandese, redattore di The Electronic Intifada, una pubblicazione online indipendente che copre il conflitto israelo-palestinese da una prospettiva palestinese. 

Von der Leyen, che è rimasta immobile e non ha mostrato alcuna reazione, se non un tiepido sorriso, ha poi iniziato il suo intervento ringraziando i suoi ospiti per l'invito. "Signore e signori, è un piacere essere qui", ha detto.

La presidente ha poi tenuto un ampio discorso sulla necessità per l'Europa di rafforzare la propria sicurezza e difesa a seguito dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.

La posizione di von der Leyen sul conflitto in corso a Gaza

Dopo gli attacchi del 7 ottobre lanciati da Hamas contro Israele, von der Leyen è emersa come una delle più convinte sostenitrici in Europa dello Stato ebraico, un sostegno che ha sottolineato in un'attenta visita a Gerusalemme nei giorni immediatamente successivi al massacro. 

Tuttavia, il suo sostegno le si è rapidamente ritorto contro quando il bilancio delle vittime nella Striscia di Gaza, causate dall'offensiva israeliana, ha iniziato a salire e la devastazione si è trasformata in una catastrofe umanitaria.

Sebbene non abbia mai fatto marcia indietro sulla sua posizione, von der Leyen ha gradualmente adattato la sua narrazione per posizionarsi come attrice principale nella fornitura di aiuti di emergenza a Gaza, recandosi a Cipro il mese scorso per annunciare un corridoio marittimo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Unione Europea vuole ampliare le sanzioni all'Iran dopo l'attacco a Israele

Israele risponde agli inviti alla moderazione: "Colpiremo l'Iran, al momento giusto"

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele