EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Consiglio Ue, leader sotto pressione da Zelensky sulle difese aeree per l'Ucraina

Il presidente francese Emmanuel Macron parla con il primo ministro olandese ad interim Mark Rutte in vista del vertice UECO
Il presidente francese Emmanuel Macron parla con il primo ministro olandese ad interim Mark Rutte in vista del vertice UECO Diritti d'autore Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Geert Vanden Wijngaert/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Mared Gwyn JonesGabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Si è aperto il vertice straordinario del Consiglio Ue mercoledì a Bruxelles. I leader europei hanno subito parlato di Ucraina. Zelensky ha chiesto di mantenere le promesse fatte dall'Europa su armi e difese aeree

PUBBLICITÀ

Si è aperto nella serata di mercoledì a Bruxelles il vertice informale del Consiglio Europeo, una due giorni incentrata sulla politica estera e sulla competitività economica dell'Unione Europea.

Ucraina domina l'apertura del Consiglio Ue straordinario

"Non abbiamo ancora visto i milioni di proiettili di artiglieria di cui si è parlato così tanto. Vi chiedo di accelerare i nostri accordi" ha detto ai leader europei il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in video collegamento. 

Zelensky ha ricordato all'Ue la necessità di sistemi di difesa aerea, paragonando le necessità dell'Ucraina a quelle di Israele a pochi giorni dall'attacco dell'Iran con droni e missili, e l'urgenza di cominciare quanto prima i negoziati di adesione di Kiev all'Unione.

Rutte e Scholz, concentriamo gli sforzi sulla guerra in Ucraina

Parlando prima di una riunione dei leader, sia il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, che il primo ministro olandese ad interim, Mark Rutte, hanno chiesto misure urgenti per fornire a Kiev i sistemi di difesa aerea necessari per respingere l'offensiva lanciata dalla Russia. 

"Alla luce di tutti i terribili attacchi che vengono sferrati dal cielo, si capisce che è necessario fare qualcosa", ha spiegato Scholz. La Germania sabato scorso ha annunciato l'invio di un terza batteria di missili Patriot.

Rutte ha aggiunto che i leader dovrebbero considerare di esaurire le proprie scorte donando all'Ucraina i propri sofisticati sistemi antimissile, prima di "correre in altre parti del mondo" con evidente riferimento alla difesa di Israele contro l'Iran.

Nella bozza di conclusioni del vertice, visionata da Euronews, i leader sottolineano "la necessità di fornire urgentemente una difesa aerea all'Ucraina e di accelerare e intensificare la fornitura di tutta l'assistenza militare necessaria".

Il vertice è stato convocato dopo che Zelenskyy, nel fine settimana, ha censurato gli alleati occidentali per essersi rifiutati di fornire all'Ucraina la "massima protezione" dagli attacchi missilistici russi, utilizzando i propri aerei per intercettare direttamente i missili come hanno fatto invece nei cieli sopra Israele.

Francia, Regno Unito e Stati Uniti sono venuti in aiuto di Israele sabato, quando è stata lanciata una raffica di circa 185 droni e 150 missili balistici e da crociera come parte del primo attacco diretto di Teheran al Paese non appartenente alla NATO.

Alla domanda di Euronews sull'accusa di Zelensky all'Europa di usare due pesi e due misure, Rutte ha risposto: "Non cerchiamo di confondere (l'Ucraina con) Israele. L'Ucraina ha bisogno di tutta la difesa aerea e di tutta la capacità di difesa che possiamo ottenere".

Lituania, bisogna tenere l'Ucraina al centro dell'attenzione

Gli appelli per l'Ucraina hanno occupato l'apertura di un vertice, convocato inizialmente per parlare di economia e competitività nell'Ue.  

"Sono preoccupato che stiamo perdendo l'attenzione sull'Ucraina", ha dichiarato il presidente lituano, Gitanas Nausėda, prima dell'incontro, criticando il blocco per la lentezza nell'attuazione delle promesse forniture di armi a Kiev.

"Dobbiamo festeggiare il momento della consegna dei nostri armamenti e non il momento della decisione", ha detto, "perché a volte il divario, il divario di tempo tra la decisione e l'attuazione richiede alcuni o anche più mesi".

L'Ue non è riuscita a raggiungere l'obiettivo di fornire all'Ucraina un milione di munizioni, spingendo la Repubblica Ceca a lanciare una propria iniziativa per procurare 800mila proiettili, con diversi Paesi che stanno contribuendo con denaro.

Parlando insieme ai suoi omologhi olandese e ceco mercoledì, la prima ministra danese Mette Frederiksen ha detto che il "formato" delle munizioni promosso dalla Repubblica Ceca potrebbe essere replicato per i sistemi di difesa aerea.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: tre missili russi colpiscono la città di Chernihiv, almeno 14 morti e 61 feriti

Guerra in Ucraina, Mosca avanza sul fronte orientale. Zelensky: "alleati ci difendano come Israele"

Spagna: Pedro Sánchez proporrà il riconoscimento dello Stato palestinese al Parlamento