EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Elezioni europee: presentati i candidati del partito transnazionale Volt

Candidati Volt
Candidati Volt Diritti d'autore Volt
Diritti d'autore Volt
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Presentati i candidati del movimento politico transnazionale Volt che si presenta come un vero e proprio partito europeo

PUBBLICITÀ

L'olandese Sophie In 'T Veld e il tedesco Damian Boeselager sono stati scelti a Bruxelles come candidati principali alle elezioni europee per Volt, un movimento politico transnazionale che si presenta come un vero e proprio partito europeo.

Volt, si legge sul sito web, "è un movimento politico fondato sui valori della libertà, dell’uguaglianza, dell’equità intergenerazionale, di genere e territoriale, della solidarietà tra e nei popoli e dell’uso sostenibile delle risorse naturali". "Volt crede fermamente nella democrazia liberale come strumento che ha consentito di fare dell’Italia e dell’Europa luoghi di pace e prosperità", scrivono ancora i fondatori.

Damian Boeselager è stato il primo membro del partito a essere eletto al Parlamento europeo durante le elezioni del 2019. "Penso che Ursula von der Leyen non dovrebbe essere presidente della Commissione per un secondo mandato", dice Sophie In 'T Veld

Volt è in corsa in 16 Paesi dell'Ue. Hanno una lista transnazionale "simbolica" con candidati provenienti da diversi Paesi, ma le liste reali differiscono da uno Stato membro all'altro.

Se alcuni candidati venissero eletti, si unirebbero al gruppo liberale dei Verdi nel prossimo Parlamento europeo: Volt negozierebbe con i due gruppi e poi sottoporrebbe la decisione al voto dei suoi membri.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il partito Volt presenta una lista transnazionale "'simbolica" alle elezioni europee

La Spagna riconosce formalmente la Palestina: Sanchez, non adottiamo questa decisione contro nessuno

L'Ue convoca Israele per la sentenza della Corte internazionale di giustizia su Rafah