EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Dal combattimento in trincea al lancio di mortai: così le truppe europee addestrano gli ucraini

Soldati ucraini che ricevono una formazione francese nell'ambito dell'EUMAM, in Polonia.
Soldati ucraini che ricevono una formazione francese nell'ambito dell'EUMAM, in Polonia. Diritti d'autore État-major des armées
Diritti d'autore État-major des armées
Di Alice Tidey
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Francia sta addestrando le truppe ucraine in Polonia, nell'ambito di una missione dell'Ue, per affinare le competenze chiave di cui avranno bisogno sul campo di battaglia in patria. Euronews ha seguito l'addestramento per un giorno

PUBBLICITÀ

Il veicolo blindato si ferma davanti alla trincea e ne escono una mezza dozzina di soldati ucraini. In pochi secondi, le granate fumogene oscurano la scena e il suono degli spari squarcia l'aria.

Il cielo azzurro e limpido rende più facile per gli ucraini sentire il drone che vola a decine di metri sopra di loro, ma si crea confusione: il drone è stato requisito da uno di loro o dal nemico? Un soldato ucraino gli spara brevemente, ma poi sposta la sua attenzione sui 200 metri di trincea davanti a sé. La velocità, in questo caso, è fondamentale.

Trenta minuti dopo, gli ucraini hanno fatto esplodere in sicurezza diverse trappole esplosive, hanno sottratto la trincea al controllo del nemico e si stanno occupando di un compagno ferito.

La ferita, tuttavia, era finta. I proiettili erano a salve. Il nemico non era russo ma francese e la trincea non si trovava sulla linea del fronte ucraino orientale, ma piuttosto in una base militare polacca.

L'assalto era invece parte di un addestramento che le truppe francesi fornivano alle loro controparti ucraine attraverso la Missione di assistenza militare dell'Unione europea (Eumam).

"Ci stiamo avvicinando ai tre quarti dell'addestramento", ha dichiarato a Euronews il tenente colonnello Louis, il cui cognome non è stato reso noto per motivi di sicurezza. "Non siamo ancora alla fine, ma stiamo iniziando a lavorare su esercitazioni interservizi e un po' più complesse, dove andiamo oltre le competenze di base. Stiamo iniziando a lavorare sulle manovre".

"L'obiettivo è quello di farli comandare la loro unità, osservare gli errori che possono commettere e poi fare un debriefing della battaglia", ha aggiunto.

Questo è il quarto battaglione ucraino che riceve un addestramento di un mese e mezzo dai militari francesi in Polonia. Sono tra le oltre diecimila truppe ucraine che sono state addestrate dalla Francia - in Polonia e in diversi siti in Francia - nell'anno e mezzo dal lancio dell'Eumam.

I 24 Stati membri dell'Ue che partecipano all'Eumam hanno finora addestrato complessivamente 46mila soldati ucraini.

Ognuno di essi fornisce una formazione diversa in base alle esigenze dell'Ucraina e alle proprie specialità. La Polonia, Paese confinante con l'Ucraina, ospita molti di questi programmi, paga il conto per l'alloggio, l'equipaggiamento e le munizioni utilizzate e si fa rimborsare parte dei costi dall'Ue.

Il Regno Unito ha anche addestrato altri 36mila soldati ucraini sul proprio territorio.

Se l'addestramento non gli piace, lo sappiamo molto presto

L'addestramento francese è incentrato sulle nozioni di base della fanteria, come sparare con i fucili e i mortai in dotazione, decifrare una mappa o le osservazioni di un drone per aiutare a sparare, mantenere una posizione difensiva, prestare assistenza medica di base, guidare i veicoli donati dalla Francia e, soprattutto, sapere chi deve fare cosa, quando.

La parola chiave per gli istruttori francesi è "adattabilità", ha sottolineato il colonnello Antoine Laparra, rappresentante nazionale francese per l'Eumam, durante il viaggio di osservazione di un giorno per i media a cui Euronews ha partecipato alla fine del mese scorso.

Devono adattarsi al livello dei soldati inviati dall'Ucraina - alcuni dei quali non hanno mai visto il fronte - e alle aspettative della leadership ucraina. I feedback sono scarsi.

"Se l'addestramento non fosse adatto a loro, ce lo direbbero, non hanno tempo da perdere e la gentilezza e la finezza non sono i loro tratti distintivi", ha detto Laparra.

A Euronews non è stato permesso di intervistare nessuno dei soldati ucraini partecipanti, né i traduttori - la maggior parte dei quali sono donne ucraine - il cui lavoro rende possibile tutto questo.

Ukrainien soldiers receiving a French training as part of EUMAM, in Poland.
Ukrainien soldiers receiving a French training as part of EUMAM, in Poland.État-major des armées

"Durante il precedente mandato, gli ucraini sono stati talvolta molto schietti e hanno detto no, non lo vogliamo più. Quindi, quando non gli piace, lo sappiamo molto, molto velocemente, quindi finché non ci dicono che non gli piace, significa che gli piace", ha aggiunto il colonnello.

"È molto importante continuare l'addestramento del personale militare ucraino nell'ambito di questa missione", ha scritto in una dichiarazione inviata via e-mail a Euronews il ministero della Difesa ucraino.

PUBBLICITÀ

"Questo permette ai difensori ucraini di padroneggiare armi ed equipaggiamenti moderni per respingere efficacemente l'aggressione russa". Nel corso delle attività dell'Eumam, abbiamo identificato diversi aspetti per migliorare l'efficacia dell'addestramento. Ad esempio, l'utilizzo dell'approccio "train-the-trainers". Questo è importante non solo per soddisfare le attuali esigenze di difesa, ma anche per sviluppare le future capacità delle forze di difesa ucraine", ha aggiunto il ministero.

C'è stato sicuramente un miglioramento

Il rumore del ticchettio dei proiettili che colpiscono i loro bersagli metallici a circa 100 metri di distanza si sente tra gli spari, suscitando un sorriso soddisfatto da parte dei soldati francesi che supervisionano l'addestramento al tiro.

Dopo più di tre settimane di permanenza sul posto, i fondamenti del tiro - come impugnare l'arma, respirare e premere il grilletto per colpire il bersaglio - sono più o meno acquisiti, ma la sessione di oggi presenta un ulteriore livello di difficoltà tattica: il caposquadra deve assicurarsi che le varie sotto-squadre si coordinino per sparare a bersagli diversi e mantenere abbastanza munizioni per coprire i compagni quando devono ritirarsi.

Quest'ultimo aspetto si è rivelato difficile per il caposquadra questa volta, come ha sottolineato il tenente colonnello Léa durante la riunione dopo l'esercitazione.

Tuttavia, è rimasta positiva: "Oggi è stata una buona esercitazione, erano molto motivati e possiamo vedere che c'è stato un miglioramento dall'inizio dell'addestramento".

PUBBLICITÀ

I capisquadra - che supervisionano circa 10 soldati sotto di loro - svolgono un ruolo critico nell'esercito francese, con un'attenzione particolare a loro e alla catena di comando generale.

I battaglioni ucraini sono composti da persone che sono state in gran parte gettate nella mischia il 24 febbraio 2022, quando la Russia ha iniziato la sua invasione su larga scala, e da nuovi arrivati che non hanno mai visto una battaglia ma ora si trovano in posizioni di comando. È quindi fondamentale analizzare in dettaglio come funziona un'adeguata catena di comando.

La necessità è tale che i francesi hanno proposto che in futuro i capi squadra arrivino una settimana prima per un addestramento intensivo. Gli ucraini hanno accettato.

Una settimana è ben lontana dai due anni necessari per addestrare un caposquadra o un sergente nell'esercito francese, ma il colonnello Laparra è certo che possa essere utile.

"Sono convinto che se consolidiamo questo livello inferiore, cioè la squadra, inevitabilmente il livello generale dell'unità più grande, la compagnia, aumenterà. È talmente ovvio che non può essere altrimenti".

PUBBLICITÀ

Niente gadget o armi costose

Una delle compagnie viene testata più tardi nel corso della giornata. Il compito è quello di recuperare un'intera strada in un villaggio di addestramento fiancheggiato da edifici a più piani. Il leader della compagnia si prende il tempo di delineare il suo piano e poi si parte.

Vengono commessi degli errori: un'intera sezione - circa tre squadre - si ritrova nello stesso edificio nello stesso momento, diversi soldati sono troppo esposti al fuoco nemico alle finestre, uno è completamente esposto su un tetto. Diversi vengono etichettati come feriti.

Novanta minuti dopo, i soldati nemici in agguato sono stati neutralizzati e la strada è sotto il controllo ucraino. Il voto è positivo. Non c'è tempo per riposare, però, perché nei giorni successivi il livello di difficoltà aumenterà gradualmente con più soldati nemici, più trappole esplosive e un perimetro più ampio da proteggere.

Ukrainien soldiers receiving training from French troops through EUMAM, in Poland.
Ukrainien soldiers receiving training from French troops through EUMAM, in Poland.État-major des armées

Non c'è molto artificio in ciò che i francesi mostrano agli ucraini, non ci sono gadget o armi costose, perché la maggior parte non ne ha accesso. Il kit francese per far esplodere una trappola esplosiva comprende un rotolo di spago lungo metri e un moschettone, "strumenti" che gli ucraini possono facilmente procurarsi.

Un aspetto a cui i francesi non si adattano, tuttavia, è la posizione di Kiev nella guerra, le sue decisioni strategiche, le perdite e le vittorie, le perdite e la diminuzione della potenza di fuoco, di cui non si parla affatto nel mese e mezzo che francesi e ucraini trascorrono insieme.

PUBBLICITÀ

Il Paese è attualmente in svantaggio, in gran parte perché non ha le munizioni per competere con la Russia, dato che la capacità produttiva in Europa sta entrando in modalità bellica e gli aiuti statunitensi sono bloccati dal Congresso.

Chiedere loro di razionare le munizioni sarebbe controproducente, tuttavia, secondo quanto riferito a Euronews, perché potrebbe intaccare il morale.

"Il nostro obiettivo è dare loro le chiavi per farcela, sia che si trovino in difficoltà o in una dinamica diversa. Quindi non è perché si trovano in una situazione tattica più o meno complicata che cambiamo le nostre istruzioni. Diamo loro le chiavi e i fondamenti di base che permettono di resistere e di andare avanti", ha detto Laparra.

"I soldati ucraini che colpiscono obiettivi a 100 metri di distanza sono già un successo. Sappiamo che, di conseguenza, le cartucce che verranno sparate potranno essere sparate in modo efficace. Lo stesso vale per i mortai. Un messaggio di fuoco efficace con un'osservazione efficace è ciò che renderà redditizie le munizioni sparate".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La difesa comune europea è una priorità anche per gli euroscettici: sondaggio esclusivo di Euronews

Consiglio europeo, i leader dell'Ue discuteranno di rompere il tabù dei bond per la difesa

La Spagna riconosce formalmente la Palestina: Sanchez, non adottiamo questa decisione contro nessuno