Sondaggio Ipsos per Euronews: aiuti all'Ucraina, a favore il 70 per cento degli europei

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen a Kyiv, in Ucraina, nel secondo anniversario dell'invasione russa
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen a Kyiv, in Ucraina, nel secondo anniversario dell'invasione russa Diritti d'autore AP Photo/Efrem Lukatsky
Diritti d'autore AP Photo/Efrem Lukatsky
Di Sergio Cantone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La maggior parte degli intervistati in un sondaggio esclusivo di Ipsos per Euronews afferma che il sostegno all'Ucraina dovrebbe continuare. Ma gli elettori sono in disaccordo sul fatto che debba essere una priorità per il prossimo mandato del Parlamento Ue

PUBBLICITÀ

Secondo un sondaggio esclusivo realizzato da Ipsos per Euronews in vista delle prossime elezioni europee di giugno, gli elettori dell'Ue sono piuttosto esitanti nel prendere una posizione chiara quando si tratta di aiuti all'Ucraina.

Il sondaggio, il primo nel suo genere, a cui hanno risposto quasi 26mila persone provenienti da 18 Paesi dell'Ue, rivela che il 36 per cento degli europei vuole che gli aiuti all'Ucraina siano una priorità del prossimo Parlamento europeo. Un altro 36 per cento la considera importante ma non prioritaria, mentre per il restante 27 per cento degli intervistati è una questione secondaria.

Le opinioni sull'assistenza alla nazione devastata dalla guerra, tuttavia, differiscono notevolmente da Paese a Paese.

Solidarietà per l'Ucraina sfumata

Gli intervistati degli Stati membri nordici dell'Ue sono quelli che più hanno chiesto al prossimo Parlamento di essere più proattivo nel sostegno all'Ucraina, con il 68 per cento degli svedesi, il 59 per cento dei danesi e il 57 per cento dei finlandesi che hanno dichiarato che per loro è una priorità.

Ma in Ungheria, Grecia, Romania e Slovacchia, la maggior parte degli intervistati - rispettivamente il 47 per cento, il 45 per cento, il 48 per cento e il 39 per cento - considera gli aiuti all'Ucraina una questione secondaria. Solo il 12 per cento degli ungheresi ritiene che gli aiuti all'Ucraina debbano essere una priorità dell'Ue nel prossimo mandato.

In Germania, Polonia e Repubblica Ceca, dove i governi sono tra i maggiori fornitori di assistenza militare all'Ucraina, gli intervistati sembrano avvertire una certa stanchezza per gli aiuti, con quote molto simili alla media dell'Ue.

Malcontento condizionato dall'import dall'Ucraina

Parte del malcontento in Europa orientale e negli Stati membri confinanti con l'Ucraina è probabilmente legato all'importazione di prodotti agricoli ucraini, contro i quali gli agricoltori europei hanno protestato sostenendo che stanno abbassando i prezzi in tutta l'Unione.

Per quanto riguarda l'ideologia politica, i sostenitori dei Verdi (57 per cento) sono in maggioranza favorevoli a rendere gli aiuti  una priorità per i prossimi cinque anni. Anche gli intervistati che si riconoscono nei tre principali gruppi politici del Parlamento europeo - il Partito Popolare Europeo di centrodestra, i Socialisti e Democratici di centrosinistra e i centristi di Rinnovamento - sono in gran parte favorevoli al mantenimento di un forte sostegno all'Ucraina.

Il sostegno degli elettori di sinistra è più contenuto, ma comunque ampiamente positivo. La maggioranza degli intervistati che si allineano al gruppo di estrema destra Identità e Democrazia, invece, considera gli aiuti all'Ucraina secondari.

Il sondaggio, tuttavia, non distingue tra i vari tipi di aiuti. L'Ue ha fornito assistenza militare, macrofinanziaria e umanitaria all'Ucraina da quando la Russia ha lanciato la sua invasione su larga scala più di due anni fa.

Il sostegno dell'Ue sta effettivamente aiutando l'Ucraina?

Alla domanda se la posizione dell'Ue nei confronti dell'Ucraina abbia avuto un impatto positivo sugli sviluppi nel Paese in difficoltà, gli intervistati dei 18 Paesi intervistati si sono divisi equamente.

Il 36 per cento afferma che l'Ue ha avuto un impatto positivo, il 32 per cento dichiara che l'impatto del blocco non è stato né positivo né negativo e il restante 31 per cento ritiene che l'impatto sia stato negativo.

Secondo i dati pubblicati dal Consiglio dell'Unione europea, l'importo totale degli aiuti forniti all'Ucraina dai 27 Stati membri è di oltre 143 miliardi di euro.

Di questi, 81 miliardi di euro sono stati promessi attraverso il bilancio dell'Ue per il sostegno finanziario, economico e umanitario, mentre altri 12 miliardi di euro sono stati stanziati dagli Stati membri per lo stesso scopo. L'assistenza militare ammonta a 33 miliardi di euro - due terzi come sostegno bilaterale e i restanti 11 miliardi di euro nell'ambito del Fondo europeo per la pace - mentre 17 miliardi di euro sono stati erogati a sostegno dei rifugiati all'interno dell'Ue.

Dal marzo 2022, oltre quattro milioni di rifugiati ucraini hanno trovato rifugio nell'Unione. La loro protezione e le loro esigenze di base, tra cui l'assistenza sanitaria, l'istruzione per i figli e l'alloggio, sono garantite dal Sistema di protezione temporanea.

L'Ue ha anche adottato una serie di sanzioni massicce e senza precedenti contro la Russia per la sua aggressione militare contro l'Ucraina. Sono stati adottati tredici pacchetti per frenare le vendite di combustibili fossili e metalli russi e per limitare fortemente l'accesso della Russia a beni e tecnologie chiave che potrebbe utilizzare sul campo di battaglia.

Inoltre, oltre 300 miliardi di euro della Banca centrale russa sono stati congelati nell'Ue e negli Stati alleati del G7.

Gli intervistati dei Paesi nordici - 63 per cento dei danesi, 60 per cento dei finlandesi, 58 per cento degli svedesi - hanno un'opinione positiva sull'impatto che l'Ue ha avuto nel sostenere l'Ucraina. L'asse franco tedesco, invece, è moderatamente soddisfatto: Il 37 per cento degli intervistati francesi ha un'opinione positiva e il 31 per cento negativa, più o meno come oltre il Reno.

PUBBLICITÀ

Ma in Romania, Slovacchia, Italia, Austria, Grecia e Ungheria, la maggior parte ritiene che l'impatto dell'Ue sulla guerra in Ucraina sia stato inefficace.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La politica migratoria dell'Ue non piace agli europei

Ue, sondaggio Ipsos per Euronews: avanti i partiti di estrema destra e ultraconservatori

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica