Slovenia: un progetto Ue ha trasformato un'ex fabbrica in un centro culturale e di aggregazione

In collaborazione con The European Commission
Slovenia: un progetto Ue ha trasformato un'ex fabbrica in un centro culturale e di aggregazione
Diritti d'autore euronews
Di Aurora Velez
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una vecchia vetreria di Ptuj, abbandonata da anni, è stata trasformata in un polo culturale dotato di un grande teatro, sale espositive e altre strutture

Un progetto di ristrutturazione sostenuto dall'Unione europea ha unito vecchio e nuovo per far rivivere un'area in disuso nella città di Ptuj, in Slovenia. L'iniziativa ruota intorno a un'ex area industriale abbandonata da anni. La fabbrica e l'area circostante sono state trasformate in un centro di attività culturali e professionali.

"Ptuj è una delle città più antiche della Slovenia - dice l'architetto Matevz Zalar -. Prima di questo intervento era davvero degradato. Abbiamo rimosso tutte le auto e reintrodotto i materiali che c'erano storicamente. Abbiamo pavimentato il marciapiede con ciottoli di fiume e granito e abbiamo restituito le strade ai cittadini, sottraendole alle auto".

Ptuj, situata sull'antica via dell'ambra, nel nord-est della Slovenia, conta poco più di 23.000 abitanti. Dopo essere stata abbandonata e occupata per anni, un'ex vetreria è stata trasformata in un polo culturale dotato di un grande teatro, sale espositive e altre strutture.

Vetro, cemento, nuovo e antico si fondono in questo edificio. In totale il restauro comprende i 1.348 metri quadrati dell'antica vetreria, ma anche le strade medievali adiacenti e piazza Vrazov, per cui è stato recuperato l'acciottolato originale. Tra le strutture ricavate dall'ex fabbrica ci sono due teatri, uno grande e uno più piccolo. Quest'ultimo è utilizzato due volte alla settimana da un gruppo di studentesse.

"Grazie a questa vetreria ristrutturata abbiamo nuovi spazi di altissima qualità, con buona acustica - dice Ajda Valcl, un'insegnante di teatro -. Gli studenti hanno la sensazione di trovarsi in un vero teatro ed è per questo che il loro lavoro, le loro creazioni, diventano più mature e migliorano".

Il Comune, che sta guidando il progetto, li considera luoghi di vita e di condivisione.  "L'obiettivo era quello di rivitalizzare il centro storico, ricreare questo spazio, dargli uno scopo e dare ai giovani un posto in città - dice la sindaca Nuška Gajšek -. Ci sono diverse associazioni culturali qui. Ci sono anche alcuni anziani per sviluppare una dimensione intergenerazionale".

Il budget totale del progetto è di oltre 4,9 milioni di euro, di cui 2,1 coperti dalla politica di coesione europea, 2,2 dal Comune di Ptuj e il resto (539.172 euro) dal ministero dell'Ambiente sloveno.

Condividi questo articolo