Stati dell'Ue divisi sul glifosato: rimandata a novembre la decisione sulla proroga per l'utilizzo

La proposta di proroga sull'utilizzo del glifosato verrà ora esaminata da un altro comitato di rappresentanti degli Stati membri
La proposta di proroga sull'utilizzo del glifosato verrà ora esaminata da un altro comitato di rappresentanti degli Stati membri Diritti d'autore Seth Perlman/AP2010
Di Gregoire LoryVincenzo Genovese
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli Stati dell'Unione europea hanno rimandato la decisione sulla proroga per l'utilizzo del glifosato: non c'erano voti sufficienti per approvarla, né per respingerla

PUBBLICITÀ

La Commissione europea aveva proposto di rinnovare fino al 2033 l'autorizzazione per l'erbicida, in scadenza quest'anno. Ma fra i rappresentanti dei Paesi membri non si è raggiunta la maggioranza qualificata dei voti (15 Paesi membri con almeno il 65% della popolazione complessiva) né per approvare, né per rigettare la proroga.

Una proroga contestata

Il governo italiano era favorevole alla proroga, che prevede comunque il divieto di usare il glifosato, e, secondo fonti diplomatiche, ha aggiunto che "ritiene opportuno evitarne l’uso nella fase pre-raccolta". I rappresentanti di Austria e Lussemburgo erano contrari, mentre la Francia si è astenuta

A esaminare la proposta di proroga sarà ora, a novembre, un altro comitato di rappresentanti degli Stati membri. La questione resta dibattuta e se anche la prossima volta dovesse prodursi una situazione di stallo, senza voti sufficienti né per approvare né per respingere la proposta, sarà la Commissione europea a decidere entro il 15 dicembre.

"Ora non si parla solo di cancro, ma anche di neurotossicità, del potenziale disturbo del microbioma e dell'impatto sulla biodiversità"
Angeliki Lysimachou
Tossicologa di Pesticide Action Network

I rischi del glifosato

L'esecutivo comunitario sostiene di aver apportato le modifiche necessarie per convincere i governi, come ha spiegato il suo portavoce Stefan de Keersmaecker.

"La proposta che la Commissione ha presentato agli Stati membri segue un'ampia e approfondita ricerca scientifica. Sono stati analizzati moltissimi studi e dati. Naturalmente ci sono alcune lacune nelle informazioni su cui si basa la proposta, cosa che impone una serie di condizioni sull'uso del principio attivo del glifosato".

Contrarie alla proroga invece le Ong ambientaliste, che sottolineano i pericoli della sostanza.

"Le prove indicano gravi effetti negativi", afferma Angeliki Lysimachou di Pesticide Action Network. "Ora sappiamo molto di più di quanto sapevamo nel 2017, perché ora non si parla solo di cancro, ma anche di neurotossicità, del potenziale disturbo del microbioma, con tutte le eventuali malattie collegate e pure dell'impatto sulla biodiversità".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lussemburgo vieta il glifosato

Polonia, la Commissione vuole sbloccare 137 miliardi di euro per i progressi sullo Stato di diritto

A Francoforte la sede dell'autorità antiriciclaggio, sconfitte Roma e Parigi