EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Regolamento Euro7: gli Stati dell'Ue annacquano la proposta della Commissione

Il regolamento Euro7 dovrebbe entrare in vigore nei prossimi anni
Il regolamento Euro7 dovrebbe entrare in vigore nei prossimi anni Diritti d'autore Martin Meissner/AP
Diritti d'autore Martin Meissner/AP
Di Sandor Zsiros
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La posizione adottata dal Consiglio dell'Unione europea sull'Euro7 chiede di mantenere identici al precedente regolamento gli standard di emissioni per le automobili

PUBBLICITÀ

Gli Stati membri dell'Unione Europea hanno adottato la loro posizione sul Regolamento Euro7, che stabilisce gli standard di emissioni di sostanze inquinanti ammissibili per i veicoli di nuova costruzione, per combattere il cambiamento climatico e migliorare la qualità dell'aria.

Stessi limiti per le auto

I limiti per le automobili, che la Commissione europea voleva rendere più stringenti, per il Consiglio dell'Unione devono invece rimanere uguali a quelli del regolamento Euro6, attualmente in vigore. Leggermente più severi solo gli standard per i veicoli pesanti.

Una decisione presa sotto la pressione di alcuni Paesi con una massiccia industria automobilistica, come Francia, Italia e Repubblica Ceca.

Proprio il ministro ceco dell'Industria e del Commercio, Jozef Síkela, spiega a Euronews la sua posizione: 

"Ho la sensazione che si stia andando nella giusta direzione. Siamo consapevoli dell'importanza dell'industria automobilistica per l'economia europea e ceca in particolare. Rappresenta il 10% del Pil totale, oltre il 20% delle esportazioni. Quindi dobbiamo essere consapevoli dell'impatto".

Anche le case automibilistiche europee hanno spinto per mantenere inalterati gli standard di emissioni, sostenendo che una revisione al ribasso avrebbe comportato costi aggiuntivi di produzione, e quindi di acquisto per i consumatori. 

"In pratica, avremo le stesse automobili, solo camuffate con il bollino Euro7"
Anna Krajinska
European Federation for Transport and Environment

Le critiche degli ambientalisti

Dall'altra parte della barricata, le associazioni ambientaliste contestano la posizione assunta dal Consiglio.

"Purtroppo la posizione del Consiglio è estremamente deludente per quanto riguarda gli standard. Euro7 era un'opportunità per ridurre le 70mila morti causate ogni anno dal trasporto su strada", afferma Anna Krajinska, della European Federation for Transport and Environment.

Per le automobili, purtroppo, i limiti di emissioni non vengono migliorati rispetto all'Euro6: "In pratica avremo le stesse auto, solo camuffate con il bollino Euro7".

Restano dibattute le date di entrata in vigore delle nuove regole: per quanto riguarda le auto, la Commissione voleva iniziare ad applicarle dal luglio 2025, ma gli Stati membri chiedono 30 mesi di tempo dall'adozione del regolamento. Attesa ora la posizione del Parlamento europeo, prima di cominciare il negoziato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La clamorosa retromarcia di Berlino: la nuova legge sulla mobilità favorisce le auto

Approvato il divieto di vendita per le auto a combustione, l'Italia si astiene

Zelensky, la richiesta di armi e l'invito alla Russia al prossimo vertice sulla pace