EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Dall'Ue 2,25 miliardi per le inondazioni in Grecia

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha incontrato a Strasburgo il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha incontrato a Strasburgo il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis Diritti d'autore EbS
Diritti d'autore EbS
Di Sandor Zsiros
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Commissione europea ha offerto 2,25 miliardi al governo greco per fronteggiare le conseguenze delle inondazioni che hanno colpito il Paese

PUBBLICITÀ

Lo ha annunciato Ursula von der Leyen a Strasburgo, dove ha incontrato il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, per discutere degli aiuti.

Sostegno alla Grecia

Nelle ultime settimane, violenti temporali nella Grecia centrale hanno causato la morte di almeno 15 persone e lasciato diverse località ancora sommerse. I danni provocati dall'acqua si aggiungono a quelli del fuoco, con numerosi incendi avvenuti in varie regioni greche nel corso dell'estate

Le ripetute catastrofi naturali hanno spinto il governo di Atene a chiedere aiuto a Bruxelles, che ha risposto prontamente: due miliardi arriveranno dai fondi di coesione e da quelli per l'agricoltura, altri 250 milioni afferiscono ai fondi di coesione "avanzati" dal precedente bilancio comunitario (2014-2021).

“In totale potranno essere mobilitati per la Grecia 2,25 miliardi di euro", ha spiegato in un punto stampa la presidente von der Leyen.

Un fondo quasi esaurito

Inoltre la Commissione è pronta a valutare una richiesta greca nell'ambito del Fondo di solidarietà, ha specificato von der Leyen.

"Per questo è importante che gli Stati membri siano d’accordo sulla nostra proposta di integrare il Fondo di solidarietà. Se ciò accadrà l’anno prossimo, potremo mettere a disposizione fino a 400 milioni di euro”.

Il Fondo di solidarietà dell'Ue è stato istituito nel 2002 proprio per far fronte ai disastri naturali, ma oggi la sua dotazione è quasi azzerata e non sembra in grado di tenere il passo con gli effetti del cambiamento climatico.

Finora sono stati erogati più di otto miliardi di euro, a 24 Stati membri e quattro Paesi esterni all'Ue: l'ultimo esborso, 400 milioni per fronteggiare le inondazioni in Slovenia.

Molti eurodeputati sono d'accordo con la Commissione e ritengono sia necessario un solido sistema di sostegno contro gli eventi meteorologici avversi.

“Per il futuro, dobbiamo costruire un sistema di supporto più resiliente, in modo che quando accadono cose del genere, i soldi possano  arrivare in modo più diretto, veloce e flessibile", dice a Euronews Terry Reintke, co-presidente del gruppo Verdi/Alleanza libera per l'Europa.

Senza un aggiornamento della dotazione del fondo, la prossima richiesta di un Paese in difficoltà potrebbe risultare vana.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lo stadio olimpico greco è stato chiuso per timori sulla sicurezza del tetto

Grecia, dal fuoco alle inondazioni: vittime e dispersi a causa della tempesta "Daniel"

Inondazioni in Grecia e Turchia, trombe marine in Bulgaria, vittime ovunque