EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

La proposta di un organismo etico dell'UE viene criticata dagli eurodeputati come poco ambiziosa e insoddisfacente

Parlamento europeo, Strasburgo
Parlamento europeo, Strasburgo Diritti d'autore Patrick Seeger/AP
Diritti d'autore Patrick Seeger/AP
Di Mared Gwyn Jones
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I piani della Commissione europea per la creazione di un organismo etico interistituzionale sono poco ambiziosi e insoddisfacenti, secondo gli eurodeputati.

PUBBLICITÀ

I piani della Commissione europea per un nuovo "organismo etico interistituzionale" sono poco ambiziosi e insoddisfacenti, almeno secondo i membri del Parlamento europeo.

Svelato dalla Commissione a giugno, il previsto organismo etico è una risposta allo scandalo di corruzione del Qatargate che ha offuscato l'immagine delle istituzioni europee, rivelando lacune nelle regole di integrità. Ora i deputati europei hanno affermato in una risoluzione che l'organismo mancherebbe di indipendenza e non avrebbe poteri reali per indagare o punire le violazioni.

“La corruzione non è una questione di moralità. Non è una questione etica. È una questione di sopravvivenza per le nostre istituzioni democratiche in tempi molto turbolenti. Le istituzioni corrotte sono deboli”, ha sottolineato Raphaël Glucksmann, eurodeputato per S&D.

La proposta della Commissione ha diviso il Parlamento. I gruppi di destra si sono astenuti dal criticare i piani. Ma i gruppi di sinistra e di centro hanno chiesto maggiori poteri investigativi e sanzionatori, maggiore protezione per gli informatori e regole di trasparenza più severe per le ONG.

Nathalie Loiseau, europarlamentare per Renew Europe: “Più trasparenza, più integrità, è molto semplice. Dichiarazioni patrimoniali…chi paga quando viaggiamo…cose che avrebbero dovuto essere già in atto da tempo ma sono state lasciate alla buona volontà…non basta quando c’è diffidenza nelle nostre istituzioni”. 

I deputati dal 2021 chiedono regole etiche più rigorose, quindi da prima che scoppiasse lo scandalo Qatargate. Questo giovedì a Strasburgo il Parlamento voterà la sua posizione finale. I negoziati con il Consiglio e la Commissione saranno guidati dalla sua Presidente Roberta Metsola.

Un testo annacquato?

La proposta di un organismo etico, presentata a giugno da Vera Jourová, commissaria per i valori nella trasparenza, stabilisce standard etici vincolanti per i funzionari politici che lavorano nelle istituzioni dell'Ue, tra cui regole sull'accettazione di regali, viaggi pagati da Paesi terzi, lavori secondari e un periodo di riflessione dopo aver lasciato l'incarico.

Importanti eurodeputati sono attualmente indagati per aver presumibilmente ricevuto centinaia di migliaia di euro da funzionari del Qatar e del Marocco in cambio di influenze sulle decisioni del Parlamento europeo. Lo scandalo ha messo in luce le lacune delle norme interne delle istituzioni europee in materia di standard etici.

Gli eurodeputati hanno anche criticato la lentezza della Commissione nel presentare i suoi piani, che il Parlamento aveva precedentemente richiesto per il 2021.

Il Partito Popolare Europeo (PPE), il più grande gruppo politico del Parlamento, si è tirato indietro dalla risoluzione. Il gruppo ha espresso soddisfazione per l'attuale proposta della Commissione e il capogruppo Manfred Weber ha semplicemente chiesto che l'organismo venga rinominato Comitato per gli standard negli uffici pubblici.

La decisione del PPE di ritirarsi dalla risoluzione è stata criticata mercoledì da altri gruppi politici.

"Durante i negoziati, il gruppo del PPE ha persistentemente cercato di annacquare le ambizioni della posizione del Parlamento sull'organo etico dell'UE, per poi finire per non firmare la risoluzione", ha dichiarato Gaby Bischoff, negoziatrice S&D per la risoluzione sull'organo etico dell'UE.

"Questo è un classico del PPE: tutto abbaia e niente morde. Dicono di volere alti standard etici nell'UE ma poi non fanno nulla per realizzarli", ha aggiunto.

Pacchi di denaro sotto i letti

La risoluzione critica il piano della Commissione di nominare solo cinque esperti etici indipendenti come "osservatori" dell'organismo, mentre i membri effettivi sarebbero i rappresentanti delle nove istituzioni dell'Ue. I critici ritengono che ciò minerebbe la credibilità e l'ambizione dell'organismo.

Gli esperti  hanno evidenziato altre carenze nei piani della Commissione. Molti ritengono che sia troppo facile per gli attori stranieri reclutare ex eurodeputati e che le regole non affrontano il problema come quello degli ex politici che vengono assunti da aziende private o da forme di lobbying.

"Abbiamo visto commissari assumere ruoli presso multinazionali e abbiamo visto europarlamentari cercare di nascondere sacchi di denaro sotto i loro letti. È evidente che abbiamo bisogno di un organismo etico forte e indipendente per controllare queste questioni", ha dichiarato Daniel Freund, eurodeputato del gruppo Verde/EFA.

Eva Kaili, la principale sospettata nello scandalo di corruzione del Parlamento europeo, che nel frattempo è stata espulsa dal suo gruppo parlamentare dei Socialisti e Democratici, è tornata questa settimana alla plenaria di Strasburgo dopo essere stata rilasciata dagli arresti domiciliari in attesa del processo.

Anche Marc Tarabella, accusato di corruzione, partecipazione a un'organizzazione criminale e riciclaggio di denaro, ha partecipato alla plenaria questa settimana.

PUBBLICITÀ

Giovedì i deputati voteranno le parti finali per la riforma delle norme del Parlamento europeo in materia di trasparenza, integrità, responsabilità e lotta alla corruzione, prima di avviare i negoziati con gli Stati membri.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Un organismo di etica europeo per spazzare la corruzione a Bruxelles

Elezioni in Francia: i tedeschi si preparano a cambiamenti nella politica dell'Ue

Francia, giovani volontari in supporto del Nuovo Fronte Popolare