EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Europee 2024, sedicenni al voto in cinque Paesi dell'Ue

I sedicenni potranno votare alle elezioni europee in cinque Paesi dell'Unione
I sedicenni potranno votare alle elezioni europee in cinque Paesi dell'Unione Diritti d'autore AP Photo/Franck Prevel
Diritti d'autore AP Photo/Franck Prevel
Di Méabh Mc Mahon
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Germania e Belgio si aggiungono ad Austria, Malta e Grecia. L'obiettivo del Parlamento comunitario è migliorare l'affluenza giovanile dell'ultima tornata, al 42%

PUBBLICITÀ

 Nelle elezioni europee del 2024, anche Belgio e Germania consentiranno il voto ai giovani di 16 e 17 anni, come già fanno in Europa Austria, Grecia e Malta. Una prospettiva che sembra molto allettante per i ragazzi intervistati da Euronews.

La voce dei giovani

"Presto diventeremo adulti. quindi è importante anche dire la nostra", spiega Anouska.

"Penso sia davvero una buona idea, perché significa che possiamo effettivamente cambiare le cose", afferma Alessio. 

"Possiamo effettivamente far sentire la nostra voce sui temi che riteniamo importanti, votando partiti o persone con i nostri valori. Ad esempio, nella nostra classe il cambiamento climatico o i diritti delle donne sono molto importanti. E ora possiamo promuovere queste idee.

"Il voto ai sedicenni è un passo in avanti, ma abbiamo bisogno di cambiamenti più radicali"
Lauren Mason
Policy manager dello European Youth Forum

Un cambiamento necessario, ma non sufficiente

Solo in Belgio, l'abbassamento dell'età necessaria per votare significa l'ingresso di 270mila persone nella platea elettorale. Una conquista per molte organizzazioni giovanili, che ora vorrebbero vedere il cambiamento esteso a tutta Europa: perché i giovani devono essere ascoltati, dice Lauren Mason dello European Youth Forum.

"Alcuni giovani pensano che la loro voce e i loro voti non contino: per questo che abbiamo bisogno di un grande cambiamento politico". 

"Il voto ai sedicenni è un passo in avanti, ma abbiamo bisogno di cambiamenti più radicali se vogliamo che i giovani si sentano veramente coinvolti nelle nostre democrazie". Ciò significa avere più giovani nei partiti o in posizioni di potere e che le opinioni dei giovani siano prese sul serio nella nostra politica.

Concesso loro il diritto, la domanda è se i giovani lo eserciteranno. In alcuni Paesi, come il Belgio, il voto è obbligatorio, ma in generale le precedenti elezioni europee hanno mostrato un'affluenza giovanile particolarmente bassa: 42% tra gli under 25, pur in aumento di 14 punti percentuali rispetto alla tornata precedente. Obiettivo del Parlamento comunitario è aumentare la partecipazione.

"Per il Parlamento questa è una priorità, per molte ragioni. La prima è che queste sono probabilmente le elezioni che plasmeranno il futuro per le nuove generazioni: ciò che accadrà a livello europeo avrà probabilmente un impatto maggiore e più duraturo rispetto alle decisioni nazionali prese nel breve periodo", ha detto Jaume Duch, portavoce del Parlamento europeo.

Le elezioni del 2024 saranno un banco di prova per i politici, impegnati a comunicare con questa generazione di elettori. C'è un anno di tempo per conquistare i voti degli adolescenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Libere ma non eque", l'ossimoro delle elezioni turche

Le elezioni europee si terranno dal 6 al 9 giugno 2024

Elezioni europee: quanto spendono i partiti politici per gli annunci sui social media