In tutta Europa, molte donne che desiderano una gravidanza si rivolgono alla banca del seme danese

Embryologist Rick Slifkin displays some of the frozen sperm stored at Reproductive Medicine Associates of New York, ,Oct. 3, 2013.
Embryologist Rick Slifkin displays some of the frozen sperm stored at Reproductive Medicine Associates of New York, ,Oct. 3, 2013. Diritti d'autore AP Photo/Richard Drew
Di Sebas van Aert
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

In Europa, buona parte dello sperma donato viene importato dalla Danimarca

PUBBLICITÀ

Il suo orologio biologico ticchettava ormai con una certa insistenza e il suo compagno aveva già esaudito il suo desiderio di avere dei figli, così Kim, una donna di 37 anni dei Paesi Bassi, nel giugno del 2020 ha deciso di iniziare a valutare seriamente la possibilità di realizzare il suo desiderio di diventare madre.

Non essendo mai stata particolarmente legata al modello di famiglia "tradizionale", alla fine si è rivolta a una clinica della fertilità olandese, dove le è stata offerta la possibilità di scegliere tra un donatore di sperma proveniente da una banca del seme olandese o da una banca del seme commerciale danese.

Ha optato per quest'ultima perché offrivano una più ampia varietà di donatori e più informazioni personali sul loro conto.

"Mentre le banche del seme olandesi consentono di selezionare solo quattro caratteristiche fisiche, come il colore dei capelli e degli occhi, l'etnia e la corporatura, le banche del seme danesi forniscono profili molto più dettagliati, tra cui le foto da bambino, la calligrafia e il suono della voce", ha dichiarato a Euronews.

Tutto ciò le ha permesso di farsi un'idea del carattere personale del donatore di sperma, cosa che riteneva importante per il suo futuro figlio.

"Volevo che mio figlio fosse in grado di risalire alle sue origini e di stimolare la potenziale curiosità per il suo background biologico", ha spiegato la donna.

Dopo un accurato iter decisionale, Kim ha scelto un donatore di sperma di origini portoghesi, trovato nella banca dati della danese Cryos International, per sua stessa dichiarazione la più grande banca del seme del mondo.

Ha inviato la richiesta il martedì e la sua clinica della fertilità l'ha chiamata il giovedì, per informarla che erano arrivate tre provette di sperma congelato. 

In maniera del tutto insolita, l'inseminazione che ne è seguita, circa un mese dopo, è stata un successo immediato.

Il dominio danese

In tutta Europa, donne come Kim sono rimaste incinte o hanno concepito dei figli ricorrendo a donatori di sperma mediante le banche del seme danesi.

Alcune cliniche della fertilità olandesi affermano che oltre il 60% dei loro trattamenti viene effettuato con sperma proveniente da una struttura danese. 

Nel vicino Belgio, 6 bambini su 10, nati grazie alla donazione di sperma, avrebbero padri biologici danesi. 

Circa un quinto dello sperma donato disponibile nel Regno Unito è importato dalla Danimarca: l'Irish Times ha persino affermato che il 90% dello sperma danese è destinato ad altri Paesi dell'Ue.

Le stesse banche del seme danesi preferiscono non fornire cifre esatte sulla quantità di donazioni di sperma che esportano, adducendo ragioni strategiche, ma è chiaro che sono dominanti in Europa. 

Come dice Martin Lasse, chief commercial officer di Cryos International, "se è un grande mercato in Europa, è un grande mercato per noi".

Le due maggiori banche del seme danesi sono la Cryos International e la European Sperm Bank, con sede rispettivamente ad Aarhus e a Copenhagen. 

La Cryos sostiene di disporre di oltre 1.000 donatori disponibili, mentre la European Sperm Bank afferma di possedere tra gli 800 e i 900 donatori pronti per essere selezionati dai riceventi.

La loro popolarità può essere attribuita in parte all'ampia selezione di donatori di sperma, che offre alle future madri un'ampia gamma di fenotipi tra cui scegliere. 

PUBBLICITÀ

L'offerta è così ampia e varia grazie al fatto che entrambe le società hanno aperto filiali in altre regioni d'Europa, come Cipro, Regno Unito, Germania e Paesi Bassi.

Una tradizione di lunga data

Perché questo Paese ha conquistato una posizione così importante in Europa per quanto riguarda la donazione di sperma?

Gran parte del fenomeno è riconducibile alla lunga tradizione danese nel settore dei trattamenti per la fertilità, nonché alla prima regolamentazione, nel 2006, che ha consentito a donne single e omosessuali di sottoporsi all'inseminazione ricorrendo al seme di un donatore. 

Attualmente, ciò è consentito solo in una dozzina di Paesi dell'Ue.

Secondo Annemette Arndal-Lauritzen, ceo della European Sperm Bank, ciò non solo ha aperto il dibattito sulla donazione di sperma, ma ha anche scatenato un'ondata di nuove nascite da donatori danesi.

PUBBLICITÀ

"Oggi, più dell'1% di tutti i bambini nati in Danimarca sono nati dal seme di un donatore, è la percentuale più alta tra tutti i Paesi europei - ha dichiarato a Euronews - il fatto che così tanti bambini in Danimarca siano nati da una donazione ha davvero eliminato il tabù nel nostro Paese".

Lasse Haldrup
Lasse Haldrup, 23, donates his sperm regularly.Lasse Haldrup

Martin Lassen ha anche sostenuto che la donazione di sperma è così normalizzata nella cultura danese semplicemente perché esiste da lungo tempo: "Il nostro fondatore ha avviato la prima banca del seme danese 35 anni fa, da allora i danesi si sono abituati alle banche del seme che pubblicizzano la donazione di sperma, è diventato parte della nostra cultura".

Anche Lasse Haldrup (23 anni), donatore di sperma danese dal luglio dello scorso anno, non ritiene che la donazione di sperma sia un argomento delicato nella società danese: "Ne parlo abbastanza apertamente, lo sanno tutti nel mio ambiente, la mia famiglia, i miei amici, persino la ragazza con cui mi sto frequentando".

Il reclutamento

A differenza della maggior parte degli altri Paesi europei, la legislazione danese consente alle banche del seme di farsi pubblicità liberamente tra gli uomini danesi. 

I danesi più giovani, ad esempio, vengono presi di mira attraverso annunci su Instagram o YouTube.

PUBBLICITÀ

"Investiamo molto nel reclutamento dei donatori - dice Lassen - cerchiamo di educarli spiegando loro quali sono i pro e i contro della donazione e cosa può significare per gli altri".

In cambio di ogni donazione di sperma, i donatori ricevono un compenso e un abbonamento in palestra.

Questa ricompensa finanziaria è particolarmente gradita agli studenti come Haldrup: "Ricevo 40 euro per ogni donazione e dono circa due volte a settimana. 

Per me è conveniente: non ho bisogno di un lavoro secondario e aiuto altre persone ad avere dei figli".

Il considerevole investimento nel reclutamento fa sì che molti danesi si candidino per diventare donatori di sperma.

PUBBLICITÀ

"Grazie all'elevato numero di candidati, disponiamo di un'ampia scelta: questo ci garantisce di poter fornire sperma di alta qualità", ha detto Arndal-Lauritzen. 

Tuttavia, vengono condotti numerosi test sanitari e alla fine solo il 5% circa dei candidati viene ammesso alla donazione di sperma.

Non c'è da stupirsi che Kim sia rimasta subito incinta: ha dato il benvenuto al suo bambino all'inizio di febbraio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Problema globale: una persona su sei nel mondo è affetta da infertilità, rileva il rapporto dell'Oms

Olanda: Il medico della fertilità Jan Karbaat ha generato 49 bambini

State of the Union: Decisioni su clima, trasparenza e migrazione