EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Problema globale: una persona su sei nel mondo è affetta da infertilità, rileva il rapporto dell'Oms

Around one in six people worldwide face infertility at some point in their lives, according to a new report by the World Health Organization (WHO).   -
Around one in six people worldwide face infertility at some point in their lives, according to a new report by the World Health Organization (WHO). - Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Natalie Huet
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Per milioni di coppie in tutto il mondo, concepire un bambino può essere terribilmente difficile, quando le speranze di mettere su famiglia vengono annullate da un test di gravidanza negativo dopo l'altro

PUBBLICITÀ

Per milioni di coppie in tutto il mondo, concepire un bambino può essere terribilmente difficile, quando le speranze di mettere su famiglia vengono annullate da un test di gravidanza negativo dopo l'altro.

Circa una persona su sei in tutto il mondo affronta l'infertilità ad un certo punto della propria vita, secondo un nuovo rapporto dell'Organizzazione mondiale della sanità, secondo cui nessun continente sta meglio di un altro.

"Questo è un problema globale che colpisce le persone in tutti i Paesi e in tutti i ceti sociali", ha detto ai giornalisti Gitau Mburu, scienziato della fertilità presso l'Oms.

L'agenzia sanitaria definisce l'infertilità come "una malattia del sistema riproduttivo maschile o femminile definita dal mancato raggiungimento di una gravidanza dopo 12 mesi (o più) di rapporti sessuali regolari non protetti".

Stime precedenti suggeriscono che tra 48 milioni di coppie e 186 milioni di persone convivono con l'infertilità a livello globale. 

L'Oms non ha aggiornato queste stime nel suo rapporto e ha affermato che i dati che aveva analizzato, dal 1990 al 2021, non le hanno permesso di determinare una tendenza.

“Sulla base dei dati che abbiamo, non possiamo dire che l'infertilità sia in aumento o costante", ha affermato James Kiarie, responsabile della contraccezione e della cura della fertilità dell'Oms.

Il rapporto ha anche rilevato che la prevalenza dell'infertilità varia poco da una regione geografica all'altra. 

La prevalenza una tantum dell'infertilità - la quota di una popolazione che non l'ha mai sperimentata nella propria vita - era del 17,8% nei Paesi ad alto reddito e del 16,5% in quelli a basso e medio reddito.

Il rapporto mostra che "l'infertilità non discrimina", ha affermato nella prefazione del rapporto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Lottare per concepire può anche avere ripercussioni di vasta portata sulla vita delle persone colpite, che vanno dall'ansia e dalla depressione sino allo stigma sociale e alla violenza domestica.

Circa il 12,6% della popolazione mondiale lotta con l'infertilità: questa quota è più alta nella regione africana, al 16,4%, e più bassa nel Mediterraneo orientale, al 10%.

Tuttavia, il rapporto evidenzia che la mancanza di dati disponibili in molti Paesi ha reso difficile confrontare in modo più dettagliato il peso dell'infertilità in tutto il mondo.

Cosa causa l'infertilità?

Il rapporto dell'Oms non ha fornito una ripartizione dell'infertilità maschile e femminile: l'infertilità può essere causata da una serie di fattori diversi in entrambi.

Nel sistema riproduttivo femminile, l'infertilità può essere causata da una vasta gamma di fattori, tra cui infezioni a trasmissione sessuale, tube di Falloppio bloccate, disturbi uterini come l'endometriosi, disturbi delle ovaie come la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) o squilibri degli ormoni riproduttivi.

Nel sistema riproduttivo maschile, l'infertilità può essere causata da infezioni genitali, squilibri ormonali o produzione e qualità anomale dello sperma.

È noto che fattori ambientali e di stile di vita come il fumo, il consumo eccessivo di alcol e l'obesità influiscono sulla fertilità, ma gli scienziati sospettano anche che l'esposizione a inquinanti ambientali possa interrompere gli ormoni riproduttivi e danneggiare ovuli e sperma.

Mentre le tecniche di riproduzione assistita come la fecondazione in vitro (IVF) sono disponibili da più di tre decenni, l'Oms ha affermato che queste tecnologie sono inaccessibili e insostenibili in molte parti del mondo, in particolare nei Paesi a basso e medio reddito, dove il loro costo elevato può far precipitare una coppia nella povertà.

PUBBLICITÀ

Nella maggior parte dei Paesi, i trattamenti per la fertilità sono in gran parte finanziati di tasca propria: l'Oms chiede ora ai governi di migliorare la prevenzione, la diagnosi e la cura dell'infertilità e garantire un accesso più equo a trattamenti come la fecondazione in vitro.

"Milioni di persone affrontano costi sanitari catastrofici dopo aver cercato un trattamento per l'infertilità, rendendo questo un importante problema di equità e, troppo spesso, una trappola della povertà medica per le persone colpite", ha affermato Pascale Allotey, direttrice della ricerca e della salute sessuale e riproduttiva dell'Oms.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In tutta Europa, molte donne che desiderano una gravidanza si rivolgono alla banca del seme danese

Fertilità in calo dal 1950

Sanità: a Parigi un vertice per aumentare sovranità e innovazione vaccinale dell'Africa