EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Balcani occidentali, flusso migratorio in aumento nelle città tedesche

Centro di espulsione a Bamberg, in Germania, il 22 ottobre 2015
Centro di espulsione a Bamberg, in Germania, il 22 ottobre 2015 Diritti d'autore Nicolas Armer/dpa via AP
Diritti d'autore Nicolas Armer/dpa via AP
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Questa volta non si trattava di ucraini in fuga dalla guerra ma di persone provenienti dai paesi dei Balcani occidentali che cercavano di sfuggire al gelo e alle pessime condizioni di vita sociale

PUBBLICITÀ

Durante questi mesi invernali, le città tedesche hanno dovuto affrontare un altro grande afflusso di rifugiati. Questa volta non si trattava di ucraini in fuga dalla guerra ma di persone provenienti dai paesi dei Balcani occidentali che cercavano di sfuggire al gelo e alle pessime condizioni di vita sociale.

Colonia ha registrato più migranti da questa zona negli ultimi mesi che durante le guerre nella ex Jugoslavia che si sono verificate dal 1991 al 2001, stando a quanto ha riferito l'addetta stampa Katja Reuter.

"Il numero di persone provenienti dai Balcani occidentali che si sono riversate negli alloggi della città di Colonia è superiore a 1.000. A causa delle fluttuazioni, non è disponibile un numero più preciso. Circa il 40% dei rifugiati proviene dall'Ucraina, e le altre nazionalità superano di gran lunga il 60%. La maggior parte di loro viene dall'Albania", ha dichiarato Reuter. Ora, la città ha raggiunto il limite massimo di rifugiati, con un tasso di accoglienza in eccesso del 107,23%.

Rotta dei Balcani occidentali

La rotta dei Balcani occidentali è stata, nel 2022, la più utilizzata per gli attraversamenti illegali delle frontiere nell'Unione europea, secondo l'Agenzia europea per il controllo delle frontiere esterne.

Frontex ha registrato 145.600 attraversamenti illegali attraverso i Balcani occidentali, un balzo del 136% rispetto all'anno precedente e il numero più alto osservato dal 2015. Questo percorso è stato utilizzato da persone di varie nazionalità, soprattutto da cittadini provenienti da Siria, Afghanistan e Turchia.

Ora, l'Ue ha deciso di intensificare la sua presenza ai confini dei Balcani occidentali con Frontex al fine di dispiegare presto del personale lungo la rotta. E’ la prima volta che l'agenzia avrà dipendenti che monitorano i confini extra-Ue per frenare l'immigrazione clandestina.

Intanto Colonia non intende concedere lo status di rifugiato ai migranti provenienti dai Balcani fino a quando non riceveranno asilo legale dalle autorità tedesche per l'immigrazione, una pratica che spesso può richiedere mesi o anni.

Tuttavia la città tedesca continua a ospitare coloro che arrivano, dando così una mano a chi non ha nulla. "Colonia è obbligata a ospitare tutti i rifugiati, indipendentemente dalla nazionalità o dall'origine. La gestione dell'occupazione organizza gli alloggi per i cittadini in base alle risorse abitative disponibili", ha affermato l’addetta stampa Reuter.

"A causa di questo sistema, la maggior parte delle volte, i rifugiati di origini o nazionalità diverse sono ospitati insieme. A volte gli alloggi sono occupati principalmente da rifugiati dello stesso paese di origine, questo è dovuto alle esigenze abitative delle persone che hanno bisogno di una casa o al numero di rifugiati appena arrivati. Pertanto ci sono sia rifugiati ucraini che vivono con persone di altre nazionalità e alcuni che condividono il loro alloggio solo con connazionali", ha aggiunto la portavoce.

Le tensioni tra Kosovo e Serbia

Il lato positivo è che Colonia è riuscita a gestire l’emergenza nonostante l’alto afflusso dei rifugiati ucraini a causa degli attacchi russi. Attualmente, ogni giorno arrivano in città solo da due a quattro rifugiati ucraini. La situazione più pesante è stata nei mesi passati, con l’arrivo della primavera di prevede che molti migranti dei Balcani occidentali tornino a casa.

"A causa delle pessime condizioni sociali nei paesi di origine, come il costo del riscaldamento elevatissimo, le persone dei Balcani occidentali hanno deciso di migrare in Germania in inverno per poi tornare nei loro paesi in primavera. Questo si ripete ogni anno", ha sottolineato Reuter. "Come molte città o comuni in Germania, è difficile ospitare i rifugiati. In posti come Colonia, molte persone – non solo i rifugiati – sono alla ricerca di appartamenti a prezzi accessibili. È difficile trovare una soluzione a tutto", ha aggiunto l’addetta stampa.

L'Alta Baviera ospita attualmente 850 migranti dai Balcani occidentali, quasi il doppio rispetto allo scorso anno, anche se il numero totale di coloro che arrivano è incerto.

La maggior parte di coloro che arrivano proviene dalla Macedonia del Nord, dall'Albania, ma anche dal Kosovo e dalla Serbia. Sebbene i numeri siano attualmente bassi, le crescenti tensioni tra i due paesi potrebbero portare ad un aumento del numero dei migranti in futuro.

Le tensioni tra Kosovo e Serbia sono aumentate da novembre, da quando Pristina ha deciso di vietare ai serbi che vivono nel paese di utilizzare le targhe rilasciate da Belgrado nel paese. Proprio come il suo alleato russo, la Serbia ha rifiutato di riconoscere l'indipendenza del Kosovo.

Intanto alla domanda su come l'Alta Baviera si stia preparando a un afflusso in caso di escalation delle tensioni, l'addetto stampa Wolfgang Rupp ha dichiarato a Euronews: "Non possiamo fare previsioni sui futuri arrivi di rifugiati. Tuttavia, il governo distrettuale sta continuamente ad aumentare i suoi alloggi per poter ospitare ogni migrante che arriva nella nostra giurisdizione".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I ministri della Difesa della Nato definiscono un nuovo piano di sostegno per l'Ucraina

La Corte di Strasburgo respinge la richiesta di eutanasia dell'ungherese Dániel Karsai

Bulgaria, maggioranza difficile dopo elezioni: "Il premier non sarò io" dice leader di Gerb Borissov