"Adesso gli aerei", l'appello dell'ex presidente ucraino Poroshenko

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros
Petro Poroshenko è stato presidente dell'Ucraina dal 2014 al 2019
Petro Poroshenko è stato presidente dell'Ucraina dal 2014 al 2019   -   Diritti d'autore  Cleared

L'ex presidente dell'Ucraina, Petro Poroshenko, pensa che l'invio di carri armati dalla Germania al suo Paese migliorerà la situazione sul campo di battaglia, ma a suo giudizio la decisione arriva troppo tardi e nel frattempo la Russia ha potuto rafforzare la sua posizione. La vera svolta nel conflitto sarebbe invece ottenere aerei da combattimento, come spiega in un'intervista a Euronews.

Dopo i carri, gli aerei

"Penso che questo invio abbia migliorato la situazione. Decisamente. Sicuramente dipende dal numero dei carri armati, perché è molto diverso avere uno solo, o diversi squadroni di carri armati. Ma bon credo si tratti di un punto di svolta: non è più così. Se la fornitura fosse avvenuta sei mesi fa, insieme ai veicoli blindati e alla difesa aerea, quando la Russia era più debole di ora, sarebbe stata un punto di svolta. Ora la Russia ha effettuato una mobilitazione, che porterà in prima linea un numero significativo di truppe e carri armati.

Poroshenko, che è stato presidente dal 2014 al 2019, guida ora un partito di opposizione, ma sostiene l'unità nazionale per combattere la Russia. E a Bruxelles chiede armi più sofisticate, soprattutto caccia da guerra.

"Qual è il punto di svolta ora? I jet da combattimento. E bisognerebbe lanciare immediatamente, senza perdere tempo un programma di addestramento per i piloti ucraini e prepararsi a consegnare in Ucraina aerei da combattimento. Tra l'altro non si tratta di un'arma di offesa. I caccia servono a proteggere gli ucraini e a contrastare il dominio russo nei cieli del Paese", le parole di Poroshenko.

Il "negoziatore" speciale

Poroshenko ha negoziato con Vladimir Putin gli accordi di Minsk, che fissavano un equilibrio precario, saltato definitivamente con l'invasione dello scorso febbraio.Alla domanda se vede o meno nel prossimo futuro spazio per nuovi negoziati con Putin, l'ex presidente risponde con una punta di ironia.

"No, questo non lo credo. Dovremmo semplicemente avere un negoziatore molto bravo, molto professionale, un grande diplomatico che sieda di fronte a Putin. E Il nome di questo diplomatico è 'Forze armate dell'Ucraina", afferma l'ex presidente con una metafora molto chiara.

"Abbiamo avuto un ottimo negoziato con Putin al confine con Kiev. Lo abbiamo respinto. Un grande negoziato quando Putin stava occupando la regione di Kharkiv. Respinto anche qui. Abbiamo avuto un grande negoziato quando Putin ha occupato la regione di Kherson e Kherson, l'unico capoluogo occupato dopo il 24 febbraio, e abbiamo avuto abbastanza argomenti per cacciare via Putin anche da lì. Dobbiamo solo rinforzare questo negoziatore..."