In Croazia c'è un'app che usa i big data per prevedere e gestire meglio il rischio di alluvioni

Di Aurora Velez
In Croazia c'è un'app che usa i big data per prevedere e gestire meglio il rischio di alluvioni
Diritti d'autore  euronews   -  

Come anticipare e gestire meglio il rischio di alluvioni? Mijo monitora il flusso del fiume Sava davanti al suo motel a Odzak, nel nord della Bosnia-Erzegovina. Nella sua mente è ancora vivido il ricordo delle inondazioni del maggio 2014. All'epoca, non avevano ricevuto nessun allerta sul rischio di inondazioni.

"Nel 2014 l'acqua era arrivata a 2,60 metri di altezza, mancavano 4-5 cm perché raggiungesse il secondo piano - ricorda Mijo Jelec, proprietario del motel Nova Ladja -. È arrivata così velocemente che non abbiamo potuto fare nulla. Sono salito su una barca e me ne sono andato".

Per gestire i rischi e facilitare le operazioni in caso di alluvioni come quella che ha colpito otto anni fa l'Europa sudorientale, una società croata ha sviluppato una piattaforma integrata con informazioni in tempo reale: GDi Ensemble FloodSmart. A Sarajevo il responsabile del progetto, Davorin Singer, ci spiega che l'azienda analizza i big data e fornisce modelli 3D, utili a istituzioni, squadre di soccorso e cittadini.

"La piattaforma raccoglie tutte le informazioni degli idrologi sulle portate e sulle aree di inondazione e le mette a disposizione di coloro che devono prendere decisioni - dice Singer - in modo che possano scegliere in base alle diverse situazioni e prevenire i rischi e i danni delle inondazioni.

Il progetto GDi ensemble FloodSmart ha un budget totale di 1,2 milioni di euro. Quasi la metà è stato finanziato dalla Politica di Coesione dell'Unione Europea. Il resto dall'azienda stessa. Dal 2014 l'area di Odzak ha subito nuove inondazioni, ma non con le stesse conseguenze. La stazione di pompaggio di Zorice dispone ora di 5 macchine in grado di pompare 9 metri cubi d'acqua al secondo per evitare l'inondazione di aree agricole o abitate. I modelli di comunicazione e previsione, come quello di GDi, sono essenziali.

"Nel 2019 abbiamo ricostruito l'argine - dice Boris Zelic, responsabile regionale della protezione dalle inondazioni di Vodoprovreda Posavina -. Poi abbiamo usato un modello di previsione, quindi sapevamo quando l'acqua sarebbe salita, mentre nel 2014 non lo sapevamo. Ottenendo i dati al momento giusto siamo più reattivi, c'è meno stress e possiamo difenderci meglio dalle inondazioni".

La piattaforma propone soluzioni per affrontare il rischio di alluvioni e inondazioni fluviali, prima, durante e dopo il loro verificarsi.