This content is not available in your region

Ursula von der Leyen a Varsavia: "Via libera al recovery plan polacco"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è recata a Varsavia per dare personalmente il via libera al piano di ripresa polacco.
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è recata a Varsavia per dare personalmente il via libera al piano di ripresa polacco.   -   Diritti d'autore  European Union, 2022.

La Polonia è destinata a ricevere le prime tranche del fondo di recupero dell'UE, mentre i giudici nazionali rimangono sotto gli effetti della sezione disciplinare della Corte suprema, un organo controverso che è in gran parte visto come uno strumento di invasione del governo sulla magistratura e che la Corte di giustizia europea ha ritenuto incompatibile con il diritto dell'UE.

La Polonia aveva richiesto un totale di 35,4 miliardi di euro – 23,9 miliardi di euro in sovvenzioni e 11,5 miliardi di euro in prestiti a basso costo – dal fondo collettivo del blocco, progettato nel 2020 per superare la crisi economica innescata dalla pandemia di COVID-19.

Il piano polacco è stato bloccato per più di un anno a causa delle persistenti preoccupazioni che l'indipendenza della magistratura fosse minacciata dall'invasione dei poteri esecutivo e legislativo.

Ma dopo mesi di tentennamenti tra Bruxelles e Varsavia, la Commissione europea ha annunciato mercoledì l'approvazione ufficiale del programma polacco.

Cinque commissari ue, tra cui Frans Timmermans e Margrethe Vestager, hanno votato contro o espresso riserve sull'approvazione dell'esecutivo, secondo quanto appreso da Euronews.

Tempo di rifome

In cambio di questo controverso via libera, la Polonia ha accettato di attuare due riforme giudiziarie chiave prima che venga elaborato qualsiasi pagamento dei fondi di recupero:

-Riformare il regime disciplinare dei giudici e sostituirlo con un nuovo organo.

-Esaminare i casi dei giudici interessati dalle sentenze della sezione disciplinare.

Per quanto riguarda la prima richiesta, il governo polacco ha già presentato una possibile alternativa: una "Camera di responsabilità professionale" che avrebbe il compito di controllare i magistrati

Bruxelles ha detto che il nuovo organismo deve rispettare gli standard del diritto dell'UE, ma Iustitia, la più grande associazione di giudici in Polonia, ha avvertito che la camera proposta "non impedirà all'esecutivo polacco di esercitare il controllo sui giudici  ".

 Bruxelles ha chiesto  anche alla Polonia di dare ai giudici disciplinati il diritto di sottoporre i loro casi a un tribunale imparziale e indipendente.

L'attuale camera ha il potere di imporre multe, tagli salariali, sospensioni e la revoca dell'immunità. Nel 2021 ha preso decisioni in oltre 200 casi, 122 dei quali hanno coinvolto giudici,  e in 25 casi hanno portato a una revoca definitiva dell'immunità. Altri casi sono ancora pendenti. Le accuse sono varie e vanno dai "crimini comunisti" alla guida in stato di ebbrezza e alla corruzione.

Fino a poco tempo fa, la Commissione aveva insistito sulla "conditio sine qua non" per reintegrare i giudici illegittimamente licenziati. Allo stato attuale, la Polonia deve solo dimostrare che il riesame giuridico è iniziato, e nondi aver concluso o corretto l'illecito.

"Il processo di revisione può essere avviato su richiesta di un giudice interessato", ha detto un funzionario dell'UE parlando in forma anonima. "La prima udienza può avvenire entro  tre mesi dalla richiesta e l'intero processo può essere completato in 12 mesi".

"Alcuni giudici potrebbero essere reintegrati, altri no", ha detto un altro funzionario.

La camera è stata ritenuta illegale dalla Corte di giustizia europea, che ha affermato che il suo funzionamento può "causare danni gravi e irreversibili all'ordinamento giuridico dell'UE". La Corte di giustizia ha quindi ordinato la sospensione temporanea dell'organismo e l'annullamento della maggior parte delle decisioni adottate finora.

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha anche ordinato provvedimenti provvisori nel caso di diversi giudici polacchi che, dopo aver applicato la giurisprudenza dell'UE, si sono trovati di fronte ad accuse penali di "abuso di potere".

"Non siamo alla fine della strada"

Dal momento che la Polonia è autorizzata a presentare due richieste di pagamento all'anno,  Varsavia probabilmente riceverà le prime due tranche di fondi di recupero dell'UE – e forse anche le prime tre – con i giudici ancora vincolati al regime disciplinato.

La prima tranche dovrebbe valere poco più di 4 miliardi di euro, tra sovvenzioni e prestiti a basso interesse, e sarà erogata entro la fine dell'anno.

Il prossimo pagamento, previsto per il primo trimestre del 2023, sarà di simile entità. Un terzo esborso potrebbe avvenire nella seconda metà del 2023.

La Commissione ha negoziato anche per garantire che il controllo giurisdizionale dei giudici interessati si concluda secondo gli standard dell'UE, ma le nuove disposizioni non saranno attivate fino all'ultimo trimestre del 2023, dando a Varsavia ampio tempo per rimediare alle sentenze della camera mentre il denaro continua a fluire.

"Un primo pagamento sarà possibile solo quando la nuova legge sarà in vigore e saranno spuntate tutte le caselle previste da questo contratto", ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a Varsavia.

"Inoltre, la Polonia deve dimostrare entro la fine del 2023 che tutti i giudici illegittimamente licenziati  siano stati reintegrati. Questo è progresso, ma c'è ancora strada da fare sullo stato di diritto in Polonia".

In piedi accanto a lei, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha usato un tono di sfida e ha promesso che certamente non permetterà all'anarchia di "prendere il sopravvento sul nostro sistema giudiziario".

"Ho la mia opinione sulla magistratura prima del 2025 e sui giudici nominati dalle autorità comuniste", ha detto. "La signora Presidente è ben consapevole della mia opinione al riguardo".

Unione Europea 2022
La presidente von der Leyen ha incontrato il presidente polacco Andrzej Duda (al centro) e il primo ministro polacco Mateusz MorawieckiUnione Europea 2022

«Gli illeciti non sono stati sanati»

Come parte del piano polacco, Bruxelles ha incluso una clausola di non inversione per garantire che il governo non ribalti le riforme concordate. In caso di violazione dell'accordo, i pagamenti verranno interrotti.

Ma questo non basta a Juan Fernando López Aguilar, eurodeputato spagnolo che presiede la commissione per le libertà civiche e la giustizia del Parlamento europeo ed è stato un frequente critico del partito di governo polacco

"La Polonia non dovrebbe avere accesso ai fondi dell'UE fino a quando la Polonia non mostrerà la volontà di conformarsi pienamente alle sentenze della Corte di giustizia europea", ha detto López Aguilar a Euronews.

L'eurodeputata ritiene che Ursula von der Leyen abbia tradito le sue stesse parole. Il presidente della Commissione aveva in passato svelato tre condizioni per sbloccare il piano polacco, tra cui la reistituzione dei giudici destituiti.

"I giudici sono stati licenziati perché hanno applicato il diritto dell'UE. Questo è inaccettabile", ha detto López Aguilar. "Questi illeciti non sono stati sanati dal governo polacco. Non ci sono garanzie sufficienti".

Dal 2022 al 2026, la Polonia riceverà 35,4 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti per attuare 49 riforme e 52 progetti di investimento, il 42% dei quali sarà dedicato alla transizione verde.

Inoltre, la Polonia ha diritto a ulteriori 25 miliardi di euro di prestiti.

L'accordo per sbloccare il fondo di recupero non affronta la sentenza del 2021 della Corte costituzionale polacca che ha sfidato direttamente il primato del diritto dell'UE e ha sollevato timori di una "Polexit" legale.

I funzionari dell'UE insistono sul fatto che gli impegni assunti con Varsavia sono sufficientemente forti da proteggere gli interessi finanziari dell'UE e che le controversie incentrate sullo stato di diritto dovrebbero essere affrontate "attraverso procedure di infrazione". Sostengono che il piano polacco originale, presentato nel maggio 2021, non prevedeva alcun impegno per quanto riguarda le riforme giudiziarie.

Bruxelles ha avviato diverse cause legali contro la Polonia negli ultimi anni nel tentativo di porre fine al regime disciplinare. Questi casi hanno raggiunto la Corte di giustizia europea, e in un caso si è arrivati  a una multa di 1 milione di euro al giorno a Varsavia per la continua disobbedienza legale.

"Se la Polonia rispetta pienamente e fedelmente le tappe del piano di ripresa, prima o poi la Commissione delibererà sulle procedure di infrazione", per portarle a termine, ha detto un funzionario dell'UE. "Ma fino ad allora, i casi sono ancora lì".

Dopo il via libera polacco, solo due Stati membri rimangono senza un piano di ripresa approvato: l'Ungheria, il cui programma è in standby per le preoccupazioni sullo stato di diritto, e i Paesi Bassi, che devono ancora presentare il loro piano.