Il Belgio ha sete

Image
Image Diritti d'autore AFP
Di Gregoire Lory
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Belgio è scosso da una siccità che potrebbe mettere in ginocchio il comparto agricolo

PUBBLICITÀ

Gli agricoltori e gli allevatori belgi sono preoccupati. La primavera quest'anno è stata molto secca e le poche piogge di queste settimane potrebbero non essere sufficienti. Jean-Luc Dewez possiede una fattoria di 66 ettari vicino a Namur. Produce cereali e barbabietola da zucchero. I terreni sono aridi per la mancanza di precipitazioni e per il vento di nord-est che soffia nelle ultime settimane. L'uomo comincia a valutare i costi di questa siccità.

Jean-Luc Dewez, agricoltore: "Se non piove entro i primi di giugno, potrebbe essere problematico. Al livello di tutte le colture e di tutte le produzioni".

Sui terreni asciutti i fertilizzanti non penetrano in profondità. Senza acqua e fertilizzanti, la produzione dovrebbe essere inferiore, spiega Laurent Gomand, proprietario di una fattoria vicina. Questa siccità è una doppia pena perché senza produzione di foraggio ha difficoltà nell'alimentare le sue 250 mucche e 600 capre.

Dice Laurent Gomand, allevatore e agricoltore: "Il foraggio questa primavera è stato poco. È la metà di quello che abbiamo raccolto l'anno scorso. Stiamo già ricorrendo agli stock che sono sempre di meno per nutrire gli animali in inverno. Questo significa che dovremo comprare crudo materiali che ovviamente sono molto costosi, poiché la situazione economica, il contesto geopolitico è tale che tutto ciò che compriamo, tutto ciò che dobbiamo comprare, è molto costoso.

Il mondo agricolo ritiene che sia ancora troppo presto per parlare di disastro. Ma l'attuale situazione con la guerra in Ucraina sta comportando costi aggiuntivi per il settore.

José Renard, Segretario Generale della FWA (Federazione Vallona dell'Agricoltura):  "I fertilizzanti sono estremamente costosi e in tempi di siccità sono meno efficaci. Quando invece adesso ci servirebbe che questa efficienza venisse aumentata, accade l'opposto per la siccità. La carenza di mangime per il bestiame potrebbe portare a un aumento dei costi".

Il Belgio non è l'unico Paese europeo colpito da questo fenomeno di siccità. La Francia, ad esempio, dovrebbe vivere il mese di maggio più caldo mai registrato e fa pensare a un'estate segnata dalla siccità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bruxelles, la polizia interviene all'evento della destra radicale con Orbán e Farage

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni

Il sondaggio valuta i partiti sul Green Deal: da "pro" a "preistorico"