This content is not available in your region

Inflazione nell'Eurozona ai massimi storici

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  AP Photo/Michael Probst

Si prevede che l'inflazione nell'eurozona abbia raggiunto il livello record del 7,5% ad aprile, ma non tutti i paesi che utilizzano la moneta unica sono colpiti allo stesso modo.

Questo secondo i dati preliminari di Eurostat.

Si prevede che l'Estonia avrà l'inflazione più alta tra i 19 paesi che utilizzano l'euro, con prezzi visti del 19% in più rispetto ad aprile 2021. Questo dato è in aumento rispetto a marzo, quando l'inflazione annuale estone ha raggiunto il 14,8%.

Le altre contee baltiche dell'Estonia - Lituania e Lettonia - seguono l'esempio con letture a due cifre. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che i tre piccoli stati dipendono fortemente dalle importazioni estere per soddisfare il loro fabbisogno energetico, rendendoli particolarmente vulnerabili alla volatilità dei prezzi globali.

Si prevede che l'energia avrà il tasso di inflazione annuale più alto ad aprile al 38,0% - rispetto al 44,4% di marzo - seguita da cibo, alcol e tabacco per i quali l'inflazione è stata osservata al 6,4% quando era al 5% a marzo. Nel frattempo, i tassi di inflazione per gli alimenti non industriali e per i servizi dovrebbero essere più elevati ad aprile rispetto a marzo.

Si prevede che i paesi con l'inflazione più bassa saranno Finlandia (5,6%), Francia (5,4%) e Malta (4,9%).

Nel caso di Finlandia e Francia, è attribuito a un mix energetico più diversificato, mentre Malta, che fa affidamento sul gas importato dall'estero, ha in corso un accordo di fornitura pluriennale con l'Azerbaigian che ha contribuito a mantenere stabili i prezzi.

L'area dell'euro e l'intera Unione Europea sono tutt'altro che le uniche regioni che hanno registrato forti aumenti dei prezzi con un'inflazione record osservata negli ultimi mesi anche nel Regno Unito e negli Stati Uniti.