This content is not available in your region

Premier moldava ad Euronews: "Urge assistenza internazionale per affrontare la crisi umanitaria"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Euronews
Euronews   -   Diritti d'autore  Photo

La Moldavia si sente sotto pressione, dopo l'invasione russa dell'Ucraina.

In un'intervista ad Euronews, la premier Natalia Gavrilita, ha avanzato una richiesta urgente di aiuto per affrontare l'arrivo massiccio di rifugiati nel Paese più povero d'Europa.

"Siamo alla nostra attuale capacità massima - dice Natalia Gavrilita, premier moldava - e abbiamo bisogno di molto aiuto e assistenza internazionale per affrontare questa massiccia crisi umanitaria.

Finché le azioni militari sono in corso, ci aspettiamo che quest'aiuto continui, abbiamo urgente bisogno di corridoi umanitari attraverso altri Paesi".

Si registra tensione anche n termini di sicurezza, tuttavia la premier moldava evita di speculare sostenendo che la possibilità che le truppe russe arrivino in Moldavia sia solo uno scenario ipotetico.

C'è una regione secessionista della Transnistria con una base militare russa al suo interno - chiede il giornalista Sandor Zsiros - vede qualche attività militare straordinaria lì e pensa che quei soldati potrebbero unirsi al conflitto?

Photo
EuronewsPhoto

"Nella regione separatista della Transnistria - risponde la premier - abbiamo truppe russe, abbiamo chiesto il ritiro delle truppe costantemente negli ultimi 30 anni.

Attualmente non vediamo rischi o piani di impegno, ma naturalmente la situazione è incerta e dipende dall'evoluzione in Ucraina.

Come ho detto, siamo un Paese neutrale e ci aspettiamo che tutti i partner internazionali agiscano in linea con il principio di neutralità".

La Moldavia, come l'Ucraina e la Georgia, ha presentato una domanda di adesione all'Unione europea la settimana scorsa, tuttavia la premier chiarisce che non farà lo stesso per la Nato.

"Questo principio di neutralità è sancito dalla Costituzione, e noi perseguiremo l'integrazione nell'Unione europea ma non l'adesione alla Nato".

La Moldavia sa che la strada per integrarsi è lunga e complicata, ma crede che il solo fatto che se ne accetti la candidatura sarebbe un simbolo per far sapere ai cittadini che sono i benvenuti.