This content is not available in your region

I sintomi del "covid lungo" hanno cambiato le vite di tanti

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
I sintomi del "covid lungo" hanno cambiato le vite di tanti
Diritti d'autore  Euronews

Oliver Gray è un consulente britannico a Bruxelles. Musicista appassionato, era solito viaggiare in giro per il mondo spiegando le leggi europei ai clienti, ma da quando ha preso il "covid lungo", la sua vita è rallentata. Non riesce ancora a gutare i sapori o annusare.

Dice Oliver: "E' il Covid che provoca questo tipo di conseguenze. Il cervello non ragiona, non sei dove eri prima. Non sei normale. Pensi di stare bene e un attimo dopo ti chiedi se tornerai mai alla normalità.

La parte più difficile per Olivier è la mancanza di sostegno da parte della società e delle infrastrutture sanitarie. Spesso viene definito in sovrappeso o addirittura pigro.

Continua Oliver Gray: "Non si trattava del fatto di non amari pi il proprio lavoro. Non ero concentrato, avevo paura di sbagliare".

"Stanchezza che non passa mai, cervello annebbiato, disturbi della memoria" sono solo alcuni dei sintomi propri dei pazienti di questo ambulatorio medico a Charleroi, nel Belgio meridionale.

Nel disperato tentativo di aiutarli, questo medico ha documentato la loro difficile situazione. Marc Jamoulle vuole più risorse e più riconoscimento per i suoi pazienti e spera che questa ricerca avrà più successo nello smuovere le autorità.

Dice il dottor Marc Jamoulle: "Io sto bene, grazie a Dio, ma i miei pazienti sono in uno stato catastrofico. Se non vengono aiutati, rimarranno senza casa, forse socialmente esclusi. Oppure, terribilmente umiliati da una malattia che li colpisce e che nessuno riconosce. Una malattia che, al momento, non ha cure. Ci sono prospettive, cerchiamo, cerchiamo, cerchiamo, ma non abbiamo nessun trattamento particolare".

In cerca di risposte è anche l'OMS, che in una recente ricerca ha invitato i responsabili politici europei a considerare la complessità del Covid lungo nelle loro risposte politiche.