This content is not available in your region

UE divisa su gas ed energia nucleare, ma su cosa fanno più affidamento i paesi?

Access to the comments Commenti
Di Chris Pritchards
UE divisa su gas ed energia nucleare, ma su cosa fanno più affidamento i paesi?
Diritti d'autore  Stefan Puchner/(c) Copyright 2021, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten

Riepilogo della storia: la Francia dipende maggiormente dall'energia nucleare, mentre l'Italia ha detto no all'atomo.

L'ultima proposta della Commissione europea di etichettare il gas naturale e l'energia nucleare come fonti verdi secondo la cosiddetta tassonomia UE ha riaperto gli scismi all'interno dei paesi membri su quelle che dovrebbero essere considerate fonti di energia sostenibili.

Greenpeace contro la tassonomia

L'anno scorso, quando Bruxelles ha introdotto la tassonomia dell'UE - un regolamento tecnico che identifica le attività che contribuiscono alla transizione verde - il gas naturale e l'energia nucleare erano praticamente assenti.

Ora, con la Commissione che propone la loro inclusione nel suo sistema di classificazione, il dibattito su quanto siano verdi queste fonti di energia è stato rianimato.

Il gas naturale ha rappresentato il 22,3% del mix energetico dell'UE nel 2019, con il nucleare che rappresenta il 13,1% secondo Eurostat, ma il loro uso varia in ogni Stato membro.

Vediamo da quali fonti di energia dipendono maggiormente i paesi europei.

Francia

Con Parigi che si suppone stia spingendo duramente affinché l'energia nucleare sia etichettata come verde, non dovrebbe sorprendere che essa sia la fonte di energia primaria della Francia, pari al 41,1% nel 2019. Il gas naturale è arrivato al terzo posto con una quota del 14,8%, dietro prodotti petroliferi come il greggio, che costituiva il 31,2% del mix energetico del Paese. I combustibili fossili solidi, come il carbone, sono stati i meno utilizzati con circa il 3,6%, con le energie rinnovabili appena avanti con l'11,2%.

Germania

Il più grande stato membro dell'UE e il più grande inquinatore afferma che l'energia nucleare non dovrebbe essere considerata verde, ma molti all'interno del governo di coalizione tedesco vogliono che il gas sia incluso come parte della transizione del blocco verso le energie rinnovabili. Come con la Francia, non sorprende quindi che il gas naturale abbia costituito il 24,4% del mix energetico del paese nel 2019, appena dietro ai prodotti petroliferi al primo posto al 36%. L'energia nucleare in Germania è la fonte meno utilizzata (6,2%), con la sua graduale eliminazione già nel 2022. Le rinnovabili sono arrivate al quarto posto (14,6%), dietro ai combustibili fossili solidi al 19,6%.

Italia

Il gas naturale ha rappresentato nel 2019 oltre un terzo dell'energia totale disponibile in Italia (38,6%), uno dei principali utilizzatori della fonte energetica dell'UE. L'energia nucleare, d'altra parte, è stata eliminata dal paese. Tuttavia, le energie rinnovabili hanno rappresentato appena il 18,7%, ben dietro ai prodotti petroliferi, che rappresentano il 35,9% del mix energetico italiano. Dopo aver ricevuto il via libera dalla Corte Suprema di Cassazione il 7 dicembre 2010, un quesito referendario viene dichiarato ammissibile dalla Corte costituzionale il 12 gennaio 2011. Ad inizio marzo 2011, viene proposta come data per lo svolgimento del referendum il 12 giugno e 13 giugno 2011. Sarà la fine del programma nucleare italiano. 

Spagna

Madrid è totalmente contraria ai piani di Bruxelles di includere l'energia nucleare e il gas naturale nella sua tassonomia verde, affermando che invia il messaggio sbagliato e "non ha senso". L'uso della Spagna di entrambe le energie si è attestato rispettivamente all'11,4% e al 23,1% nel 2019, ma con i piani per eliminare l'energia nucleare entro il 2035 e aumentare l'uso delle rinnovabili dal 13,7%, questa percentuale dovrebbe diminuire significativamente nei prossimi anni. Tuttavia, il paese avrà il difficile compito di liberarsi dai prodotti petroliferi come il petrolio greggio, che rappresentava quasi la metà del suo mix energetico (47,2%).

Portogallo

Come l'Italia, il Portogallo non ha reattori nucleari e rimane contrario a qualsiasi espansione della tecnologia. È tuttavia l'uso del gas naturale, che ha costituito oltre un quinto del portafoglio energetico del paese nel 2019 (21,3%), con le energie rinnovabili che rappresentano quasi un quarto del mix portoghese (24,4%). Come la Spagna, tuttavia, i prodotti a base di petrolio erano seriamente alti al 47,4%, a dimostrazione di quanto sarà difficile ridurre le emissioni di gas serra.

Tutti i dati provengono da Eurostat.