EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ungheria e Polonia vs Europa

Ungheria e Polonia vs Europa
Diritti d'autore ATTILA KISBENEDEK/AFP
Diritti d'autore ATTILA KISBENEDEK/AFP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Budapest e Varsavia sono messe all'indice per la loro posizione anti Lgbt

PUBBLICITÀ

La Commissione Europea a difesa dei diritti della comunità LGBT. Bruxelles ha aperto tre casi di infrazione, due contro l'Ungheria e uno contro la Polonia.

Nel caso dell'Ungheria, il presidente della Commissione Europea lo ha chiarito già qualche giorno fa

Ursula von der Leyen era stata chiarissima: "Questa legge è vergognosa". 

Si riferiva alla controversa legge ungherese emanata con lo scopo dichiarato di combattere la pedofilia... e che la CE considera discriminatoria.

Così Johannes Bahrke portavoce CE:  "I casi includono la legge di recente adozione, che in particolare vieta o limita l'accesso a contenuti che promuovono o ritraggono la cosiddetta "divergenza dall'identità personale corrispondente al sesso alla nascita, al cambiamento di sesso o all'omosessualità" per i minori di 18 anni".

È stato avviato anche un procedimento contro l'Ungheria in relazione a un libro di fiabe che raffigura famiglie dello stesso sesso.

Per quanto riguarda la Polonia, l'infrazione si riferisce alle cosiddette risoluzioni delle "zone libere da ideologia LGBT" adottate da diverse regioni e comuni polacchi.

Secondo un politico dell'opposizione ungherese, se questi governi non seguono le regole comuni, non dovrebbero avere accesso ai fondi europei.

Dice Anna Donath, ungherese di Renew Europe: "Nelle ultime due settimane ci sono state le gocce che hanno fatto traboccare il vaso. L'Europa non è la prima volta che ha detto che ci sono regole comuni e tutti devono giocare nella stessa squadra. Questi governi hanno continuato ad andare avanti per conto proprio. È importante ricordare che alla fine, i cittadini polacchi e ungheresi sono quelli che ne stanno pagando il prezzo".

Il partito di governo ungherese, Fidesz, non commenta. I due governi hanno due mesi di tempo per rispondere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia: in Parlamento una legge "bavaglio", a rischio TV indipendente

Bruxelles, la cena che deciderà il futuro dell'Unione europea

Migranti, doppia tragedia a largo di Calabria e Sicilia: oltre 70 tra morti e dispersi