L'Ue in difficoltà sul ritorno dei combattenti jihadisti

L'Ue in difficoltà sul ritorno dei combattenti jihadisti
Diritti d'autore Euronews
Di Aissa BOUKANOUNmaria irene giuntella
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dal crollo dello Stato Islamico l'anno scorso alcuni Paesi europei hanno riportato a casa dozzine di combattenti stranieri jihadisti che erano stati bloccati nei campi di detenzione nella Siria nord-orientale. La Francia e il Belgio sono stati gli ultimi ad accettare i bambini di quei campi.

PUBBLICITÀ

Dal crollo dello Stato Islamico l'anno scorso alcuni Paesi europei hanno riportato a casa dozzine di combattenti stranieri jihadisti che erano stati bloccati nei campi di detenzione nella Siria nord-orientale. La Francia e il Belgio sono stati gli ultimi ad accettare i bambini di quei campi. Mentre ogni paese si batte per riprendere in mano i propri cittadini, vi è una crescente preoccupazione per il benessere dei minori e per i futuri rischi per la sicurezza posti dall'evitare decisioni politiche difficili.

"L'approccio europeo è principalmente politico. Ogni paese avrà il proprio sistema per aiutare i bambini, che hanno l'obbligo di proteggerli. Ma a livello europeo c'è una vera mancanza, al momento sappiamo cosa faranno quando i bambini saranno qui, ma tutti evitano di affrontare come li porteremo qui in primo luogo. C'è un grande divario. Abbiamo bisogno di una decisione politica, non di una legale " ha dichiarato l'avvocato Nicolas Cohen del Brussels Bar.

Le forze curde che gestiscono i campi in Siria hanno chiesto il rimpatrio di tutti gli stranieri, sostenendo che non possono trattenerli indefinitamente in una regione instabile.

"Non esiste un coordinamento europeo in materia. Ho discusso per un anno, data la situazione in loco, data la difficoltà per gli Stati membri di raccogliere individualmente delle prove, che ci sia una cooperazione europea sia per rimpatriare le persone ma anche per inviare esperti e lavorare con le autorità sul campo "Saskia Bricmont , eurodeputata dei Verdi.

Organizzazioni per i diritti umani affermano che lasciare i bambini in Siria è una minaccia la loro salute mentale e fisica e potrebbe creare una nuova generazione di jihadisti violenti. Molti bambini vengono usati da Daesh per trasportare armi o sono soggetti a violenza sessuale e sfruttati per attentati suicidi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché un semplice Casio degli anni 80 è diventato l'orologio dei jihadisti

Stato dell'Unione: Il coronavirus e la guerra in Siria dimenticata

Elezioni: la sinistra sceglie Walter Baier per la Commissione europea