EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La sinistra europea: unita nel nome ma divisa di fatto

La sinistra europea: unita nel nome ma divisa di fatto
Diritti d'autore 
Di Ana LAZAROElena Cavallone
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Scopriamo chi sono i candidati e le battaglie del gruppo maggiormente a sinistra del parlamento europeo

PUBBLICITÀ

Il gruppo della sinistra unitaria europea è piccolo ma rumoroso.

Ha 52 deputati che di solito attirano l'attenzione con le loro proteste, come quella contro l'accordo di libero scambio con il Canada.

Un altro dei loro cavalli da battaglia è stata la lotta contro l'austerità, su cui il primo ministro greco ha avuto molto da ridire.

Il suo partito, Syriza, è l'unico del gruppo che attualmente governa in un paese dell'Unione europea.

E dopo la massiccia dose di austerità che il tuo paese ha subito, questo è stato il tuo messaggio.

"Dovremmo studiare il caso greco, l'Europa dovrebbe studiare questo caso perché la Grecia è stata un esperimento che è stato dannoso per i nostri valori comuni europei".

Un altro paese con una forte rappresentanza della sinistra nel Parlamento europeo è la Spagna, con Podemos al timone, che in totale ha dieci deputati.

La Germania è il successivo con otto seggi, la Grecia con sei, il Portogallo con quattro (stesso numero di seggi per i nazionalisti irlandesi dello Sinn Feinn), mentre  Francia, Italia e Paesi Bassi ne hanno tre.

Il gruppo si trova a sinistra dell'arco parlamentare ma solo pochi accettano l'etichetta di comunisti.

Infatti, nel gruppo ci sono sensibilità diverse, e solo una delle parti ha accettato di designare i principali candidati per le elezioni europee: il sindacalista belga Nicolas Cue e l'attrice slovena Violeta Tomic.

La lotta contro l'ineguaglianza sociale è uno de temi per cui si battono, ma anche pacifismo, femminismo, lotta contro l'omofobia e il rifiuto di un'Europa che neghi l'ingresso ai migranti.

Durante l'ultima legislatura, a guidare il gruppo parlamentare è stata la tedesca Gabriele Zimmer.

Secondo i sondaggi, nelle elezioni europee potrebbero migliorare i loro risultati e ottenere altri cinque deputati ma per dovranno unire le forze e lasciare alle spalle le divisioni che attanagliano il gruppo della sinistra unitaria europea e della sinistra verde nordica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, l'omaggio alle vittime del volo Mh17 sul sito dello schianto dieci anni dopo

Strasburgo: i primi giorni al Parlamento Ue dell'influencer che vuole rendere la politica cool

Covid-19, accolto il ricorso contro la Commissione Ue per l'acquisto poco trasparente dei vaccini