I giochi di potere alla Commissione europea nelmirino dei media

I giochi di potere alla Commissione europea nelmirino dei media
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La nomina del nuovo segretario generale della Commissione europea Martin Selmayr scatena polemiche sulla mancanza di trasparenza nelle istituzioni europee

PUBBLICITÀ

Accusati di poca trasparenza, Jean Claude Juncker ed il suo staff devono fare i conti con i media che chiedono chiarimenti circa la nomina di Martin Selmayr a segretario generale della Commissione europea, annunciata mercoledì scorso. Secondo quanto riferisce il quotidiano "Liberation", il tedesco, già capo del gabinetto del presidente Juncker, non avrebbe i requisiti per ottenere il posto più importante dell'esecutivo europeo.

"Vogliamo la lista deinomi di chi era candidato e chi no e in criteri con cui sono stati scartati gli altri vogliamo trasparenza" ha esclamato lunedì il giornalista Jean Quatremer durante il punto stampa che ogni giorno ha luogo nell'edificio Berlaymont a Bruxelles.

"Bene - ha ribattuto il portavoce della Commissione - questo discorso é degno di Robespierre".

"Non accetto la parola Robespierre, voglio che le cose siano molto chiare tra di noi", ha continuato Quatremer.

"E' già successo in passato, è abbastanza normale che la Commissione faccia dei rimpasti tra i direttori generali aggiunti, è previsto dalle nostre regole", ha infine cercato di spiegare il portavoce.

Chiamato affettuosamente "il mostro"per via della sua intransigenza, temuto da colleghi e anche da alcuni Commissari (si vocifera di un dissapore con il Commissario alla crescita Jyrki Katainen), Martin Selmayr è un' eminenza grigia, un personaggio capace di influenzare la politica europea. Federalista prima ancora che tedesco, la sua ascesa al potere è stata criticata anche da alcuni europarlamentari che denunciano la mancanza di democrazia a livello istituzionale. Con la nomina del suo braccio destro, Juncker in questo modo si assicura di avere un fedelissimo nel cuore dell'esecutivo europeo anche dopo la fine del suo mandato e in vista delle elezioni del 2019.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iniziano i rimpasti alla Commissione europea

Consiglio Ue, leader sotto pressione da Zelensky sulle difese aeree per l'Ucraina

"Il sangue dei bambini palestinesi è sulle sue mani!": attivista interrompe von der Leyen