This content is not available in your region

Il darknet, così la droga viene venduta online

Access to the comments Commenti
Di Elena Cavallone
Il darknet, così la droga viene venduta online

La chiamano la rete oscura: una parte del web nascosta ai normali motori di ricerca, accessibile solo attraverso specifici software. E’ proprio negli abissi del web, dove l’anonimato di venditore e acquirente è garantito, che sta rapidamente crescendo il traffico di stupefacenti. Un rapporto pubblicato martedi dall’ osservatorio europeo per le droghe lancia un allarme sulla proliferazione di mercati di droga online, che rappresentano i 2/3 del traffico illecito su internet.


Un business da circa 80 milioni di euro per i trafficanti europei. Tra il 2011 e il 2015 i fornitori maggiori si trovavano in Germania, Regno Unito e Paesi bassi, leader nella vendita di sostanze come MDMA e anfetamine. La maggior parte delle vendite avviene al dettaglio, ma anche in caso di grandi quantità di sostanze la tracciabilità rimane un problema per gli investigatori.

“Quello che non sappiamo, o di cui abbiamo poche prove, è il percorso che fanno quelle grandi quantità di droghe vendute e acquistate online- spiega Teodora Groshkova, analista scientifico. – Sono redistribuite online sul darkne, oppure sono destinate a una ulteriore distribuzione sui mercati tradizionali? “.
A luglio un’operazione congiunta della polizia americana e olandese aveva portato alla chiusura di Alphabay e Hansa, due dei più grandi mercati sul darknet. Al momento rimangono tuttavia ancora attive altre 14 piattaforme per la vendita di sostanze stupefacenti online.