L'Ue auspica una Siria senza Assad

L'Ue auspica una Siria senza Assad
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I ministri degli esteri approvano la Strategia dell'Ue relativa alla Siria in vista della conferenza di martedì e mercoledìa Bruxelles

PUBBLICITÀ

Una Siria senza Bashar al-Assad. È quanto si auspica l’Unione europea, i cui ministri degli esteri hanno formalmente approvato il documento proposto dall’alta rappresentante per la politica estera europea Federica Mogherini, alla vigilia della Conferenza sulla Siria che si tiene martedì e mercoledì a Bruxelles.

“L’Unione europea – ha detto Mogherini – ritiene che in Siria sia impossibile tornare alla stessa situazione di sette anni fa. Dopo sei anni e mezzo di guerra sembra del tutto irrealistico credere che il futuro della Siria sarà esattamente uguale al passato”.

Più esplicito il tedesco Sigmar Gabriel, che si oppone alla posizione assunta di recente dagli Stati Uniti: “Il processo politico, che alla fine dovrà portare Assad a non essere più il presidente della Siria, e che significa riforme elettorali, riforme costituzionali, elezioni e reconciliazione all’interno del paese, non deve essere messo da parte. E questo nonostante ci sia ora chi dice: adesso abbiamo un nemico peggiore, i terroristi, e se necessario dobbiamo collaborare con Assad e con il suo regime e nel caso cedergli aree che sono state liberate, sottraendole ai terroristi”.

La settimana scorsa l’ambasciatrice americana presso le Nazioni Unite Nikki Haley ha detto che la priorità non è più di cacciare Assad. Il presidente siriano, che nella Strategia per la Siria l’Unione europea condanna per le “violazioni sistematiche, generalizzate e flagranti dei diritti umani”, alla conferenza di Bruxelles sarà il convitato di pietra.

.AlMonitor</a> Week-in-Review: US backs off on Assad <a href="https://t.co/9HVpaTxEyC">https://t.co/9HVpaTxEyC</a></p>&mdash; Syria Pulse (TheSyriaPulse) 3 aprile 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica

Esclusivo - Charles Michel: "Spero che il contrattacco israeliano all'Iran ponga fine all'escalation"

Di fronte a Stati Uniti e Cina, i leader dell'Ue chiedono un accordo globale sulla competitività